Hydroblock fornitore ufficiale dei “cilindri di bloccaggio” per la realizzazione dei freni Brembo

Oggi presentiamo Hydroblock, azienda italiana eccellente.

Si tratta di una di quelle aziende di grande talento, di cui si parla sempre poco, che rimangono spesso nell’ombra, ma che rappresentano un anello fondamentale della filiera produttiva di prodotti che usiamo quotidianamente.

Nel caso specifico, Hydroblock è, da diversi anni, fornitore ufficiale Brembo di cilindri di bloccaggio” per la produzione dei freni della mitica Harley-Davidson e di altri marchi dell’automotive di prestigio internazionale come: BMW, Ferrari e Porsche, solo per citarne alcuni.

Siamo in compagnia di Claudio Cocchi – Responsabile commerciale e di Davide Zanni – Responsabile tecnico della ditta Hydroblock, per capire meglio le ragioni del loro successo.

 

IL CASO DI STUDIO 

D.1 – Buongiorno signor Cocchi e buongiorno signor Zanni, ci raccontate, in sintesi, come Hydroblock è riuscita a diventare fornitrice ufficiale Brembo? 

R. “Brembo, leader mondiale e innovatore riconosciuto della tecnologia degli impianti frenanti a disco, quando acquisì la commessa per produrre i freni delle moto Harley-Davidson (commessa del valore fra i 30 e i 40 milioni di euro NDR) ci chiese una consulenza per la loro realizzazione. Obiettivo: ottenere una produzione massiva di freni ad alte prestazioni in maniera stabile, efficiente e quindi economicamente vantaggiosa”.

La sfida

D.2 – Quali furono i principali problemi da risolvere?

R.:“Abbiamo lavorato per:

  1. Ottenere una produzione di grande serie di componenti di altissima precisione con tolleranze di lavorazione molto strette; questo contenendo al massimo le dimensioni, l’ingombro del cilindro e della valvola di controllo movimento integrata sull’attrezzatura perché i freni delle moto sono notoriamente più piccoli di quelli delle auto.
  2. Aumentare la qualità del processo produttivo. Normalmente i cilindri di bloccaggio standard entrano in azione in maniera non coordinata ma casuale e questo può provocare problemi di stabilità di bloccaggio del pezzo. Per ottenere le strettissime tolleranze costruttive del componente, abbiamo optato per l’installazione di una valvola di controllo movimento integrata nei cilindri, così da poter determinare la migliore sequenza di contatto delle staffe di bloccaggio sul pezzo da lavorare e poterla ripetere nelle varie postazioni.”

D.3 – Quali sono state, allora, le soluzioni da voi proposte?

R. “Generalmente, per potere ottenere pezzi ad altissima precisione in maniera ripetitiva e duratura nel tempo occorre che i cilindri blocchino il pezzo sempre nello stesso punto, con la stessa forza.

Per rispondere alle esigenze di Brembo nel realizzare un’attrezzatura efficiente che producesse freni con le caratteristiche qualitative suddette, abbiamo ideato una soluzione personalizzata che permettesse oltre a bloccare il pezzo in lavorazione sempre nello tesso punto e con la stessa forza, anche di determinare una voluta precisa sequenza di contatto delle staffe di bloccaggio sul pezzo.

Hydroblock ha quindi progettato un nuovo cilindro di bloccaggio, riducendone l’ingombro e migliorandone le prestazioni. In effetti abbiamo integrato all’interno del cilindro una valvola di controllo movimento, senza ulteriori ingombri e vincoli.”

D.4 – Che vantaggi ha ottenuto Brembo da questa soluzione?

R.:”Brembo, grazie a questa soluzione realizza già da alcuni anni  freni di altissima precisione per l’Harley-Davidson, traendone un evidente vantaggio sia in termini di qualità del prodotto che di rendimento del processo produttivo.”

D.5 – In generale, quali sono le caratteristiche distintive dei vostri cilindri di bloccaggio?

R.:”Sono sostanzialmente tre le caratteristiche che distinguono i nostri “cilindri di bloccaggio” da quelli dei concorrenti:

  1. il nostro sistema esclusivo di compensazione;
  2. la valvola di controllo chiusura staffa integrata;
  3. l’area di bloccaggio e di conseguenza la potenza dei cilindri, superiore alla concorrenza, a parità di pressione.

1. IL SISTEMA DI COMPENSAZIONE

Per descrivere il sistema di compensazione dobbiamo fare una piccola premessa: per produrre in sicurezza i componenti meccanici occorre che questi siano stabilmente bloccati sui riscontri fissi dell’attrezzatura da parte delle staffe dei cilindri idraulici. Questi devono quindi esercitare elevate forze che possono trasmettere tensioni e deformazioni sui pezzi in lavorazione e, per avere una qualità costante in uscita dei  pezzi lavorati, occorre che gli stessi vengano bloccati sempre nello stesso punto e con la stessa forza anche dopo lunghissimi cicli di lavorazione. Ciò consente di poter prevedere la deformazione indesiderata del pezzo e di mantenerla all’interno di tolleranze prestabilite.

Da questa esigenza nasce il dispositivo integrato di compensazione della roto-traslazione del cilindro Hydroblock (sistema unico al mondo). Tale sistema garantisce una precisione di bloccaggio assoluta, ripetibile e costante nel tempo.

Ciò significa, in sostanza, che i nostri cilindri, grazie a questo dispositivo, sono testati e garantiti per offrire  un errore angolare di bloccaggio pari a zero anche dopo stressanti cicli di lavoro, a differenza di quelli della concorrenza più nota che, invece, dichiara una tolleranza di più o meno 2 gradi, già sui cilindri nuovi. Senza considerare poi che, tali tolleranze sono inevitabilmente destinate a peggiorare drasticamente nel tempo.

2. LA VALVOLA DI CONTROLLO CHIUSURA STAFFA INTEGRATA

Si tratta di una funzionale innovazione introdotta anche questa sul mercato da Hydroblock che, per prima, ha potuto equipaggiare tutti i suoi cilindri destinati alla produzione di serie. La valvola di controllo chiusura staffa integrata è un dispositivo che garantisce il corretto e preciso bloccaggio del pezzo sull’attrezzatura ed è in grado anche di rilevare l’assenza accidentale del pezzo in lavorazione.  Questa valvola mette al riparo da tutti quegli inconvenienti che un errato bloccaggio del pezzo possono causare, parlo, in particolare, di danni agli utensili o al mandrino della macchina.

Si tratta quindi di un sistema estremamente affidabile e funzionale, costruito in acciaio inox, che sta incontrando il grande favore del mercato.

 

 

3. AREA DI BLOCCAGGIO E DI CONSEGUENZA POTENZA DEI CILINDRI SUPERIORE ALLA CONCORRENZA

I nostri cilindri di bloccaggio, pur lavorando ad altissima pressione (fino a 500 bar), sono stati progettati con un’area di bloccaggio notevolmente superiore alla concorrenza. I vantaggi di questa soluzione sono due:

1. possibilità di scegliere un cilindro di dimensioni inferiori,a pari pressione,  con benefici in termini di ingombro e costo;

2. eliminazione di eventuali moltiplicatori di pressione con riduzione ulteriore del costo, della complessità e della dimensione del circuito idraulico.”

 

 

 

D.6 – Prima avete parlato di “errore di bloccaggio pari a zero”, perché è così importante?

R.:”Avere la garanzia di bloccare il pezzo sempre nello stesso punto e con la stessa forza assicura una qualità di lavorazione costante dei pezzi lavorati, che cadranno così in un range di tolleranze molto più ristretto. Si noti che per noi le tolleranze si esprimono in centesimi. Capisce bene allora che, se il cilindro Hydroblock ha un errore di bloccaggio angolare pari a zero, ha una precisione di bloccaggio assoluta e costante nel tempo, ciò significa per i nostri clienti elevata qualità con considerevoli risparmi  in termini di:

  • Costo del prodotto, in quanto le non conformità (scarti) si avvicinano allo zero;
  • Minori fermi macchina e minori costi nella manutenzione dei cilindri grazie proprio alla superiore affidabilità meccanica e alla sicura ripetibilità del punto di bloccaggio nel tempo.”

Ulteriori risorse su Hydroblock:

No Responses to “Hydroblock fornitore ufficiale dei “cilindri di bloccaggio” per la realizzazione dei freni Brembo”

Trackbacks/Pingbacks

  1. L’importanza del web e social media marketing per la meccanica Made in Italy | Speaker Corner - [...] Noi proponiamo un approccio di comunicazione integrato online (web e social media marketing) per potenziare l’immagine aziendale e mostrarne …

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed