Come gli Stati Uniti attirano gli Investimenti Diretti Esteri (IDE)

S4P MARKETING CONSIGLIA.

Gli Stati Uniti sono il più grande destinatario di investimenti diretti esteri (IDE) nel mondo. L’IDE è un fattore fondamentale di crescita economica, di creazione di posti di lavoro e un target sempre più attrattivo per le agenzie di sviluppo economico. Insieme ai posti di lavoro e agli investimenti, le imprese straniere portano nuovi prodotti e nuove tecnologie, processi organizzativi e la gestione dei talenti. Solo nel 2013, le imprese internazionali hanno investito 236 miliardi di dollari nell’economia degli Stati Uniti, un aumento del 35% dal 2012, secondo il Bureau of Economic Analysis. S4P marketing USAGli investitori esteri tradizionali sono in maggior parte aziende del Regno Unito, Giappone, Canada, Australia, Corea del Sud ed altri paesi europei. Gli osservatori esperti predicono un incremento della crescita degli investimenti dalla Cina, visto l’aumento dei costi di produzione ed il fatto che le aziende cinesi cercano di aggiungere un’etichetta “Made in America” ​​per i loro prodotti. Tuttavia, la Cina ha una lunga strada da percorrere per raggiungere le fonti più tradizionali di investimenti esteri. Oggi quelli da parte della Cina e delle economie emergenti sono ancora solo una frazione degli IDE totali. Insieme, Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa sono stati pari a 1,5 per cento di tutti gli investimenti stranieri nel 2013.

Tutti i settori dell’economia offrono notevoli opportunità di business per le aziende straniere, con il settore manifatturiero che ne riceve la quota maggiore. Con il superamento di 900 miliardi di dollari nel 2013, questo settore ha rappresentato un terzo degli IDE cumulativi secondo il Bureau of Economic Analysis. All’interno del settore manifatturiero, il settore chimico attrae i maggiori investimenti per le aziende che cercano negli Stati Uniti persone di talento, istituti di ricerca e una forte protezione della proprietà intellettuale. Dopo questi, finanza ed assicurazioni è il settore più attrattivo per gli investitori stranieri bramosi di grandi mercati patrimoniali. Le società straniere, su base cumulativa, hanno investito molto nelle aziende statunitensi del suddetto settore, raggiungendo 365 miliardi dollari entro la fine del 2013. Il settore finanziario e assicurativo è l’area in più rapida crescita per gli IDE: i vantaggi principali dell’economia statunitense sono la sua apertura dei mercati e il clima degli investimenti, che pare essere il più forte del mondo. Altri punti di forza gli sono enormi mercati di consumo, le università di fama mondiale, gli istituti di ricerca, una forza lavoro qualificata e produttiva, la cultura imprenditoriale ed il contesto normativo trasparente. Una volta che una società prende la decisione di investire negli Stati Uniti, la ricerca della giusta location diventa molto simile a qualsiasi altro progetto di selezione localizzativa internazionale. Le aziende estere devono identificare i più importanti fattori particolari di localizzazione per le loro imprese, e le industrie devono analizzare le differenze di prezzi dei terreni, dei tassi di utilità, delle aliquote fiscali, della forza lavoro e degli incentivi aziendali tra diverse località degli Stati Uniti.

Come gli Stati Uniti attirano gli investimenti.

Le agenzie per lo sviluppo economico statali perseguono una serie di strategie per attrarre investimenti diretti esteri, tra cui campagne mirate di marketing e di sviluppo del business, generosi incentivi aziendali e costruzione di relazioni vecchio stile attraverso missioni commerciali, gestione di uffici permanenti all’estero e intensa attività di networking attraverso le loro comunità d’affari internazionali esistenti. Di seguito sono riportati alcuni esempi:

South Carolina.

La Carolina del Sud insegue aggressivamente investimenti stranieri e ha reclutato con successo molte aziende d’oltreoceano. Questo Stato ha uffici esteri permanenti a Shanghai, Tokyo e Monaco di Baviera; i rappresentanti dell’ufficio del Governatore si incontrano regolarmente con gli investitori asiatici ed europei. Nel 2012, il South Carolina ha presentato a Michelin un pacchetto di incentivi che ha convinto la società europea di pneumatici sia ad ampliare un già esistente impianto a Greenville, sia a costruire un nuovo stabilimento a Starr. In questo modo sono stati creati 500 nuovi posti di lavoro ed un investimento di 750 milioni di dollari. Il pacchetto di incentivi includeva 7,5 milioni di dollari dal Dipartimento di Commercio della Carolina del Sud, con un ulteriore 325.000 dollari da altre agenzie statali e locali. Lo Stato di Palmetto ha anche accolto diverse aziende cinesi, che sono state attratte dalla zona per i suoi minori costi per l’acquisto di terreni e per le utenze. Nel 2007 questo Stato ha firmato un memorandum d’intesa con il governo cinese che prende il nome del Sud Carolina come luogo privilegiato per le imprese cinesi a stabilire una presenza sul suolo americano.

Florida.

La Florida attrae le imprese internazionali attraverso i suoi sette uffici commerciali statali e 15 uffici internazionali in 13 paesi. Lo Stato partecipa anche a mostre in occasione di eventi di nicchia, come MEDICA e Arab Health. Embraer, una società aerospaziale brasiliana, ha recentemente ampliato le sue strutture in Florida. Il costruttore brasiliano ha aperto il suo primo impianto all’estero nel 2008 nella Space Coast della Florida. La società ha aperto un nuovo impianto di produzione presso l’aeroporto internazionale di Melbourne (FL) nel mese di ottobre 2014. Il nuovo centro dovrebbe portare 600 nuovi posti di lavoro. Inoltre, Embraer prevede 15 milioni di dollari di investimenti di capitale. La Florida ha ampliato la propria partnership con la società brasiliana per vincere la gara offrendo un generoso pacchetto di incentivi, potenzialmente un valore tra 45 e 50 milioni di dollari, oltre al sostegno finanziario da parte delle agenzie di città e contea.

Tennessee.

Secondo il “Rapporto Global Trends” presso l’Istituto di IBM for Business Value pubblicato nel novembre 2014, il Tennessee è stato classificato lo Stato numero uno per impegni di lavoro di IDE nel 2013. Il paesi principali per i suoi IDE sono Giappone, Germania, Canada, Regno Unito, Corea del Sud, Francia, Italia, Svizzera, Svezia e Belgio. Le sue infrastrutture e la sua logistica di base sono un forte valore di vendita per le società estere. Il Tennessee ha uffici in Giappone e in Canada per promuovere lo stato e costruire relazioni. Il produttore di pneumatici Sudcoreano Hankook Tire ha aperto il suo primo impianto di produzione degli Stati Uniti nel 2014 a Clarksville, Tennessee. Hankook dovrebbe creare 1.850 nuovi posti di lavoro in cinque anni e investire $ 800.000.000 nel paese. L’azienda asiatica aveva preso in considerazione altri cinque Stati, ma è stata colpita dal sistema di trasporto locale vasto e conveniente che include i settori ferroviario, aereo, autostradale e le vie navigabili di accesso, ricevendo inoltre un pacchetto di incentivi per un totale fino a $ 120 milioni, comprendente fondi per un centro di formazione, per la formazione dei dipendenti e per lo sviluppo di un centro culturale coreano nella zona di Clarksville.

California.S4p Marketing California

Come nono paese della più grande economia del mondo, la California è una calamita per gli investimenti esteri. Nonostante i maggiori costi commerciali e la mancanza di forti programmi di incentivi, questo stato offre numerosi vantaggi per gli investitori stranieri. Infatti gli imprenditori internazionali cercano postazioni in California per i suoi grandi mercati di consumo, forza lavoro, risorse finanziarie e tecnologiche, porti e posizione sul Pacifico. Secondo GO-Biz, agenzia di sviluppo economico dello stato, la California è il luogo più popolare degli Stati Uniti per le aziende internazionali e attira più investimenti diretti esteri rispetto a qualsiasi altro stato. I principali paesi investitori sono il Giappone, il Regno Unito, la Cina, ed i Paesi Bassi. Grazie a questi paesi sono stati creati oltre 700.000 posti di lavoro in California.

Ohio.

L’industria automobilistica è il segmento principale per l’occupazione  in Ohio grazie agli investimenti esteri, dove Honda impiega 14.000 lavoratori. Il maggior numero di posti di lavoro creati dalle aziende straniere provengono dal Giappone, seguiti da Germania, Regno Unito, Canada, Francia, e Svizzera. L’Ohio concentra i suoi sforzi di reclutamento sul settore automobilistico, aerospaziale e dei materiali avanzati, punti di forza storici di produzione di questo Stato, così come la sua posizione strategica di distanza all’interno di un giorno di macchina per il 60% della popolazione degli Stati Uniti e del Canada.

Virginia.

La Virginia promuove la sua fondazione, avvenuta oltre 500 anni fa, come il primo esempio di IDE nel continente. Infatti, secondo la Partnership di Sviluppo Economico  della Virginia, “Il Commonwealth della Virginia è stato fondato nel 1607 come impresa commerciale globale, quando i coloni inglesi sbarcarono a Jamestown, il primo insediamento inglese permanente in Nord America”. ​​Oggi ci sono più di 700 società di proprietà internazionale situate qui, tra cui Canon e Rolls-Royce. Cinque fonti di IDE della Virginia sono Germania, Francia, Regno Unito, Giappone e Canada, mentre il Commonwealth sta facendo grandi passi per gli investimenti cinesi. L’anno scorso, Shandong Tranlin Paper Co. Ltd, un produttore cinese di carta e di pasta di legno, ha annunciato l’intenzione di investire $ 2 miliardi e creare 2.000 posti di lavoro in cinque anni per stabilire la sua prima azienda americana di funzioni avanzate a Chesterfield County. La partecipazione rappresenta il più grande progetto cinese di terreno edificabile negli Stati Uniti. Il Fondo per le Opportunità del Governatore fornirà un finanziamento di 5 milioni di dollari per contribuire con il progetto Chesterfield County. La società può avere diritto a ricevere una concessione per l’occupazione e per le prestazioni dell’investimento, oggetto in fase di approvazione da parte dell’Assemblea Generale dello Stato. Insieme a tradizionali risorse come i porti di acque profonde e l’accesso autostradale interstatale, lo sviluppo economico ufficiale degli investimenti di credito sono fattori importanti per attirare, costruire e mantenere relazioni con gli investitori cinesi. La Virginia ha gestito un ufficio in Cina per più di 16 anni, e l’interesse iniziale della Tranlin è stato il risultato del legame personale del suo presidente Jerry Peng nei confronti di questo stato, avendo frequentato la Darden School of Business presso l’Università della Virginia. (Traduzione e adattamento di L.M.)

S4p Marketing New York

Fonte: http://www.areadevelopment.com/LocationUSA/2015-US-inward-investment-guide/how-us-states-target-fdi-strategies-2727261.shtml

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed