5 errori di marketing che non si dovrebbero mai fare su YouTube

S4P MARKETING CONSIGLIA.

YouTube è senza dubbio una delle piattaforme video social più popolari con una lista di utenti sempre crescente. E comunque tutto ciò risulta utile a svariate organizzazioni ed individui per utilizzare la piattaforma a scopo di marketing. Secondo le ultime statistiche presentate da YouTube, la rete ha più di 1 miliardo di utenti e circa 300 ore di video sono caricati su questo social ogni minuto! Ora potete immaginare la quantità di concorrenza che dovrete affrontare per rendere il vostro video visibile .

Questo è esattamente il motivo per cui la gente di marketing non si può sbagliare nel tentativo di guadagnarsi un gran numero di clienti, spettatori o abbonati. Purtroppo, molti di loro non sono a conoscenza dei principali errori comuni commessi su questa piattaforma sociale durante il tentativo di diffondere la consapevolezza su un prodotto o su un argomento o su un aumento del riconoscimento del brand.

  1. Rendere i video simili a quelli pubblicitari: Sapete qual’è la parte più fastidiosa per un utente quando guarda i video di YouTube? Gli spot che li fanno aspettare. Senza offesa, ma questa è solo la triste realtà. Siete fortunati se avrete un utente di YouTube che guardi e metta “mi piace” ad uno spot, ma in realtà gli utenti non sono lì per questo. Gli utenti di YouTube sono alla ricerca di un’interazione sociale ad un livello più personale. Non vogliono guardare qualcosa come la televisione in cui hanno poco controllo su quello che sta arrivando sul canale. Qui gli spettatori hanno la possibilità di passare ad un altro video. Fare video simili a quelli commerciali è un grosso errore. I discorsi di vendita fanno sparire gli utenti di YouTube. Create contenuti che siano coinvolgenti, divertenti e personali. Solo dopo aver colpito i tasti giusti potrete fare un discorso commerciale che non sia al centro del vostro video.
  2. Pensare di avere successo immediatamente: Come abbiamo accennato in precedenza, le statistiche per minuto sono piuttosto allarmanti. Con la quantità di concorrenza che sarete tenuti ad affrontare su YouTube, pensare di ottenere immediatamente un po ‘di “mi piace”, di seguaci e di abbonati è inutile. Non importa quanto sia buono il contenuto, dovete avere una strategia magnetica per attirare i vostri potenziali clienti. Come si fa a fare ciò? Promuovendo dapprima deliberatamente il vostro video. Chiedete dei contatti stretti, o qualsiasi contatto, per promuovere il vostro video attraverso tutti o tutti i canali social (ad esempio Facebook, Twitter). Se ritenete che la circolazione si sia ridotta, avviate il processo da capo.
  3. Caricamenti incoerenti di contenuti: Come quando si realizza un blog ed un podcast, non si ottengono punti se caricate il contenuto in modo incoerente. Se state caricando una serie, è necessario consentire ai vostri utenti di sapere quando arriva il prossimo episodio. Così, per esempio, se state caricando un video più volte in un mese e poi zero volte il mese prossimo, mentre pensate all’upload di altri video in futuro (il terzo mese), potrete dimenticarvi di attirare gli utenti che li hanno visti sin dall’inizio. Va bene caricare di meno, ma non è bene essere incoerenti. L’idea è quella di essere prevedibili per l’upload dei video. In questo modo, i clienti abituali o gli abbonati sanno quando aspettarsi il video e ciò non mancherà di mantenere vivo il vostro canale YouTube.
  4. Fare video troppo lunghi: L’altro fattore che maggiormente preoccupa un tipico utente di YouTube, dopo gli spot, consiste nei video lunghi. Cercate di non trascinare troppo il contenuto del video e di non annoiare gli utenti prima che raggiungano la parte importante. Solitamente il nocciolo del contenuto si trova nel mezzo o verso la fine del video. Quindi, se state allungando l’introduzione o andate troppo avanti coi dettagli su un argomento, non state aiutando il vostro discorso di vendita. Anche in questo caso, a differenza dei media tradizionali, gli utenti hanno un sacco di controllo su ciò che stanno guardando e a loro piace quel controllo. Se scoprono che quello che state dicendo è troppo noioso o troppo lungo, vi potete aspettare che loro vi abbandonino abbastanza presto, nonostante che il contenuto vi possa sembrare interessante.
  5. Non prestare attenzione alle Analitiche: non vi potete certo lamentare sul numero di strumenti che è possibile utilizzare per visualizzare l’analisi video di YouTube. Esiste una vasta gamma di strumenti statistici che consentono di monitorare le prestazioni del vostro video. Per monitorare le prestazioni della vostra campagna di YouTube, è possibile visualizzare i rapporti sulle visite fuori orario, determinare la demografia del pubblico, scoprire il traffico di origine, le fonti delle azioni social, analizzare la fidelizzazione del pubblico, osservare il tasso di sottoscrizioni, conoscere i “mi piace” i “non mi piace” ed i preferiti e molto altro ancora. Le possibilità sono infinite quando si tratta del vostro pannello di analitiche di YouTube. Da questi dati, è possibile decifrare che cosa piaccia o non piaccia ai vostri utenti. Che cosa si dovrebbe fare per migliorare il vostro tasso di abbonamento e quali siano i vostri fan.

Inoltre, non ignorate le recensioni, i commenti o i feedback che ricevete dalla gente. Non è raro imbattersi in inutili commenti da “troll”, scritti da persone che sono solo alla ricerca di qualcuno da svergognare pubblicamente con un linguaggio esplicito, e quelli a cui non volete prestare attenzione. Leggete e rivedete il feedback genuino che si riferisce direttamente al contenuto del video e che sembra una risposta onesta, civile e dettagliata di ciò che potreste fare per migliorare. (Traduzione e adattamento di L.M.)

S4p Marketing YouTube

Fonte: http://www.socialnomics.net/2015/07/08/5-marketing-mistakes-you-should-never-make-on-youtube/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed