6 suggerimenti per un efficace brand storytelling

S4P MARKETING CONSIGLIA.

Come avviene nelle fiabe e nei racconti, l’eroe ha affrontato molte sfide, ha superato degli ostacoli, si è innamorato ed ha sperimentato cosa vuol dire la perdita. Il Narratore, lungo la strada della storia, insegna a prestare attenzione a trame invisibili che si rivelano nel corso del tempo. La cosa interessante è che si tratta di quegli stessi elementi di narrazione che catturano e rapiscono anche il pubblico delle aziende con cui la gente di marketing lavora e si impegna:

  1. Struttura: Tutte le storie devono avere un chiaro inizio, una metà ed una fine. Un narratore sa sempre dove vuole portare il pubblico quando racconta una storia. Per le aziende B2B, questo è altrettanto fondamentale. Non potete raccontare una storia efficace se non sapete con chiarezza dove state iniziando (e perché), dove prevedete di finire ed il percorso che prenderete lungo la strada. Se non lo fate, sarete farneticanti e, peggio di tutto, farete perdere al vostro pubblico tempo e della preziosa attenzione.
  2. Flusso: Una buona storia porta gli ascoltatori attraverso l’intreccio di quello che sta succedendo per il contesto, attraverso le azioni che i personaggi intraprenderanno, verso un risultato chiaro ed il punto della storia. Come fare in modo che i fatti mantengano le persone interessate? I personaggi sono reali, cosa fanno e perché? Lo stesso vale per un brand. È necessario creare un flusso in un modo tale che dia una ragione al pubblico per seguire il flusso della vostra storia. Voi la conoscete molto meglio che i vostri lettori; non costringeteli a fare troppi balzi. In questo modo loro perdono interesse e voi perderete un cliente.
  3. Tensione: Questa è l’energia che attira le persone nella storia. Si sviluppa attraverso il conflitto, la suspense o le aspettative. Nel vostro caso, qual è la tensione che si può creare per il pubblico tra dove sono oggi e dove hanno bisogno di arrivare lungo la strada?
  4. Personaggi: Questi elementi chiave di una storia proiettano una serie di elementi per l’ascoltatore. Alcuni di questi includono i loro valori personali, mostrando la loro intelligenza, o provocano emozioni, come la fiducia, la passione o l’indignazione. Addetti al Marketing B2B prendete nota: la vostra storia non dovrebbe vedervi come protagonisti, è sempre il cliente l’eroe.
  5. Tono: Questo ha un grande effetto ed influenza il pubblico. Siete sinceri, affidabili e credibili? O state cercando di instillare ansia, preoccupazione ed incertezza? Il tono della vostra storia fa la differenza per quello che riguarda chi ne rivolgerà attenzione, quando e per quanto tempo.
  6. Umore: Concentrandosi sull’umore, il narratore può guidare le emozioni che si vogliono creare. Normalmente molte storie sono create per divertirci e per insegnare la cosa più importante nella vita. Più sono divertenti o appassionanti, più la gente ci torna su. E voi? State cercando di ispirare il vostro pubblico? Di motivarli? Di portarli a un cambiamento? Sappiate quale stato d’animo desiderate generare prima di arrivare troppo lontano nel percorso della creazione di una storia.

Capire come il brand storytelling possa favorire un ritorno può essere una sfida. Ma imparando qualcosa da coloro che hanno avuto successo prima di voi, è che ci vogliono impegno, attenzione e dedizione per raccontare una storia notevole. (Traduzione e adattamento di L.M.)

S4p Marketing brand storytelling

Fonte: http://www.b2bmarketinginsider.com/content-marketing/remarkable-storytelling

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed