‪Marketing‬ ‎Multiculturale: il suo impatto e la sua importanza anche per i Millennial

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing Marketing multiculturale

In passato, il marketing multiculturale è stato ritenuto secondario per le strategie di marketing di molte aziende. Ma dal momento che i Millennial (i giovani potenziali clienti nati attorno al nuovo millennio, N.d.T.) afro-americani, asiatico-americani, ispanici, asiatici ed africani hanno più soldi da spendere rispetto ad un tempo, il marketing multiculturale sta rapidamente diventando la norma.
I brand stanno sempre più capendo come vendere ad un pubblico giovane con una grande varietà di costumi e tradizioni, rimanendo generalizzati, ma anche concentrandosi su come ogni cliente sia unico.
“Se si guardano i dati demografici dei Millennial, questi sono intrinsecamente multiculturali”, dice Kim Collins, ex direttore marketing di Verizon. “Quando le aziende pensano alle loro strategie di marketing, devono pensare a come connettersi con questi gruppi dai background e dalle tradizioni culturali molto diversi, e a come rendere i loro prodotti rilevanti per ciascun gruppo.”
Secondo Collins, il pubblico multiculturale rappresenta quasi il 25% dei consumatori di base di Verizon. Per T-Mobile, il numero è più vicino alla metà. Le aziende esperte sui Millennial non possono perdere altro tempo, invitando i crescenti mercati multiculturali. L’ultima pubblicità creativa bilingue di Honda, “Un Buen Fit” (“una buona misura”), si rivolge ai Millennial ispanici in modo intelligente per prendere in giro i luoghi comuni del marketing verso di essi. Altri brand che hanno costruito legami con i Millennial multiculturali: Toyota, Wells Fargo, State Farm, Procter & Gamble, McDonald e Kimberly-Clark, che ha un programma, “Celebrate FUN“, per portare all’orgoglio di famiglia e motivare le famiglie di culture diverse a venire insieme.
Tuttavia, tra le barriere linguistiche e le sfumature culturali, le campagne pubblicitarie multiculturali corrono un alto rischio di non riuscire a connettersi con il proprio pubblico di riferimento. Ad esempio, lo spot del 2013 di Volkswagen per il Super Bowl - che prendeva in giro l’accento giamaicano – ha ricevuto recensioni contrastanti. Alcuni lo hanno criticato di essere razzista, mentre altri lo hanno trovato divertente e creativo.
Così, quali sono le cose da fare e quali da non fare per il marketing multiculturale? Lia Silkworth, vice presidente esecutivo e amministratore delegato di Tapestry, una divisione di SMG Multicultural, crede che gli approfondimenti culturali siano il fattore più importante. Sottolinea che, con i cambiamenti demografici ed i cambiamenti sociali in tutto il paese, le culture in città come New York e Miami siano in costante evoluzione.
“Quando si tratta di marketing multiculturale, alcuni dei principi fondamentali consistono nel capire veramente con quali segmenti culturali stiate parlando e nell’avere davvero profonde intuizioni culturali per scoprire quali opportunità quei segmenti siano in grado di offrire per il vostro business“, dice Silkworth. “Penso che per la gente di marketing sia molto importante avere la conoscenza delle abitudini mediatiche dei loro segmenti target», i comportamenti e gli interessi di lavoro, la creazione di autenticità attraverso la ricerca. Ed anche quando pensate agli ispanici, questo è un termine ampio, quindi si consiglia di trattare gli ispanici degli Stati Uniti, dei Caraibi e dell’America Latina in modo diverso. Al contempo, si consiglia di concentrarvi sui Millennial ispanici e sulle loro controparti più anziane in modi diversi”.
Mentre molti marketer ancora prendono di mira singoli segmenti multiculturali, il mercato totale – un approccio di marketing più olistico – sta diventando il nuovo fermento. Molte aziende hanno iniziato ad incorporare spunti etnici nelle loro comunicazioni globali e alcuni hanno addirittura sciolto i gruppi interni di marketing multiculturale. Ma la Silkworth ritiene che, sebbene il marketing totale stia guadagnando popolarità, il marketing multiculturale non può fare troppi progressi in breve tempo. (Traduzione e adattamento di L.M.)

Fonte: http://www.clickz.com/clickz/news/2420426/multicultural-marketing-to-become-mainstream-in-a-millennial-obsessed-world

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed