Il valore dei ‪Social Media‬ nel SEO per un miglior coinvolgimento dei ‪‎consumatori‬

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing Valore Social Media SEO

Poiché l’industria del marketing digitale matura sempre di più, è importante rivedere le ragioni fondamentali per cui ha bisogno di essere una maggiore area di focalizzazione per ogni azienda. Per dirla semplicemente, siamo sul mercato online perché è lì che i clienti sono in numero sempre crescente. Per quanto possano essere imperfette, le statistiche hanno sempre qualcosa di interessante da dire. Le statistiche del Pew Research Center mostrano chiaramente che il trend è positivo e che sta salendo rapidamente di anno in anno. Inoltre, Digital Insights riporta che alcuni di questi strabilianti  fatti del 2014 non possono essere ignorati da qualsiasi professionista del marketing digitale:

  • Il 75% dei coinvolgimenti su un post Facebook accadono nelle prime cinque ore.
  • Il 53% delle interazioni tra un utente di Google+ e un brand sono positive.
  • Il 44% degli utenti di Twitter non hanno mai inviato un tweet.
  • L’84% delle donne e il 50% degli uomini rimangono attivi su Pinterest.
  • Più di due utenti si iscrivono a LinkedIn ogni secondo.
  • Il 23% dei ragazzi considera Instagram il loro social network preferito.
  • Il fine settimana è il momento più importante per condividere i video di Vines.
  • Il numero di snap inviati al giorno su Snapchat è di 400 milioni.
  • Il 40% del traffico di YouTube proviene da cellulare.
  • I professionisti del Marketing B2B che utilizzano i blog generano il 67% in più dei contatti.

Metodo, processo e giustificazione.

L’accesso alle informazioni digitali si sta espandendo a livello globale. Questo ampio accesso alle informazioni richiede di attraversare i mercati tramite molti canali digitali. Ora i brand non possono più influenzare i clienti, controllando le informazioni che vedono. Piuttosto, un contenuto brandizzato deve fare i conti con i fatti, le caratteristiche, le offerte ed i vantaggi in un doppio senso, quello della focalizzazione della comunità. I clienti potranno cercare le opinioni dei loro amici, dei loro familiari e dei loro contatti di social media per scoprire cosa pensano del vostro brand. Poi andranno alla ricerca della verità visitando fonti imparziali ed indipendenti per convalidare le affermazioni che avete fatto con il contenuto del vostro brand. Il Content Marketing per il SEO deve fornire informazioni sul cliente attraverso blog, contenuti web e contenuti pubblicitari che corrispondano ai sentimenti, alle domande e alle domande previste del cliente, come un mezzo per sviluppare contatti e, infine, convertirli in clienti.

Il tradizionale imbuto di marketing di AIDA (Attenzione, Interesse, Desiderio e Azione) esisterà sempre, ma il processo è diventato più dinamico e sofisticato. Non solo sono potenziali clienti quelli che utilizzano il passaparola per chiedere il parere ed il consiglio di altri potenziali clienti quando effettuano la decisione di acquistare il marchio X piuttosto che la marca Y, ma ora lo stanno facendo online in tempo reale, tramite la ricerca digitale ed i canali dei social media. I potenziali clienti sono già oltre la fase di interesse: hanno dimostrato il desiderio di acquistare un prodotto basato su gran parte del contenuto SEO che avete già pubblicato sul Web. Poiché il cliente è ormai onnipresente online tramite l’uso di un dispositivo o di un altro, il processo di AIDA sta rapidamente facendo strada ad un nuovo concetto di mappatura del percorso del cliente. I brand non coinvolgono più il ​​cliente in punti separati nel tempo. Piuttosto, si tratta di un flusso continuo di coinvolgimento attraverso i canali ed i dispositivi digitali: è un viaggio.

Il comportamento della clientela.

Che cosa significa questo per i marketer quando ci sforziamo di acquisire clienti, di aumentare le conversioni sui siti di e-commerce e di guadagnare la fedeltà del cliente?

  1. Dobbiamo coinvolgere i clienti dove ottengono le loro informazioni, nel loro ambiente digitale.
  2. Dobbiamo fare in modo che la risposta da parte dei loro amici, familiari e conoscenti sui social media alla domanda, “Il brand X davvero fa questo?” ,sia un enfatico “Sì!”
  3. Dobbiamo essere in grado di misurare, di mirare e di ripetere questo per i clienti simili in tutti i nostri canali di marketing.

Le conversazioni sui social da parte dei clienti sono parte del nuovo approccio basato sui dati e personalizzato per comprendere il loro sentimento, sviluppare le intuizioni di marketing e prevedere il loro comportamento. Questo concetto che un brand possa essere una persona come voi e me può sembrare controintuitivo; il marchio rappresenta il “sistema”, quindi molti nutrono diffidenza verso di lui. Tuttavia, le cose stanno cambiando nell’era dei social media. Quando ci impegniamo sui social, è tutta una questione di stampare un volto, una personalità ed un’identità su un marchio. Così i brand devono diventare uno di loro, un amico, un vicino di casa od una fonte di informazioni rispettata ed affidabile.

Qual è la strategia del SEO?

Quindi, qual è il piano? Che cosa può fare un professionista di SEO marketing per ottimizzare l’esperienza del cliente?

I SEO marketer sono in ultima analisi responsabili di garantire che i siti web siano impostati per alte conversioni, per la soddisfazione del cliente e per la visibilità nei canali social e di ricerca, per cui è importante notare che il SEO ed i social media seguono un ciclo continuo guidato dai contenuti. Quando i consumatori vogliono comprare qualcosa, hanno sempre domande. Pertanto gli addetti al marketing devono essere le persone che abbiano delle risposte credibili ed influenti, e devono essere online nei posti che i loro clienti frequentano per parlare con loro. Questi dovrebbero fornire informazioni utili in forum che gli utenti possano frequentare, senza fare una vendita dura e pura o pubblicizzare il brand. Parte di quella conversazione dovrebbe coinvolgerli rendendo facile trovare qualsiasi contenuto del marchio che possa contribuire a rispondere alle domande dei clienti, o che li possa dirigere a terze parti con buona reputazione, che diano fiducia e che siano imparziali. Il contenuto di un brand dovrebbe chiaramente essere differenziato da quelli degli altri marchi concorrenti ed avere la capacità di catturare l’attenzione dei clienti in modo univoco per aumentarne il coinvolgimento. Ha anche bisogno di riflettere verità oggettive e di illustrare definitivamente i vantaggi delle offerte del brand, perché i clienti inevitabilmente vorranno verificare ciò che leggono attraverso una terza parte  indipendente.

Questo è il potere dell’informazione e dei social media sul lavoro, sotto il controllo del cliente.

(Traduzione e adattamento di L.M.)

Fonte: https://www.clickz.com/clickz/column/2437995/meeting-consumers-on-their-turf-the-value-of-social-media-in-search-marketing

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed