Elementi di una Campagna di Marketing Virale

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing strategia di marketing Virale

Non c’è mai stata una maggiore libertà tecnologica ed una così grande richiesta di buone idee per gli inserzionisti di questo momento dell’era di internet. Le grandi aziende possono consentire agli utenti di progettare le proprie scarpe con wechat ed uno smartphone, utilizzare la realtà aumentata (Augmented reality in originale, N.d.T.) per trovare la loro casa dei sogni dell’Ikea dentro la loro casa reale, e portare gli utenti alle loro case d’infanzia in un video musicale semplicemente utilizzando un vecchio indirizzo. Eppure, quello che in realtà cattura l’attenzione degli utenti di tutti i giorni non si è davvero evoluto dai tempi di Candid Camera. Il fatto è che non molte persone sanno davvero che cosa renda un video davvero virale, fino a quando non inizia a diffondersi. Tuttavia, ci sono abbastanza video virali che galleggiano nel mare di Internet che ci danno alcuni elementi cruciali. Considerate questi suggerimenti per impostare veramente la vostra partenza a tutta birra nella nostra epoca tecnologica corrente dei video, in modo da potervi collegare con quella potenza che è la pubblicità.

Una forte risonanza emotiva.

La maggior parte delle campagne virali più efficaci al mondo di solito ispirano forti reazioni emotive da parte degli spettatori – che si tratti di sbalordire con un forte shock, di una genuina simpatia, di una sorpresa, di procurare invidia, curiosità o stupore. Dalla sfida del secchiello del ghiaccio per la SLA (simpatia), attraverso la serie di  spot del formaggio Panda (curiosità mista a stupore), al video della ragazza che conduce l’uomo Intorno al Mondo  (l’invidia, l’invidia assoluta, il grido di invidia – che ha trovato la sua eco in ogni grigio cubicolo di ufficio in America), il mondo degli spettatori di Internet è stato abbastanza oggetto di una vasta gamma di emozioni al punto di essere in grado di sviluppare un palato esigente per ciò che funziona. Quando si tratta di produrre una campagna virale veramente convincente, rendete il vostro ancoraggio emotivo forte, non pensateci troppo su o non fatela sentire eccessivamente forzata, potete anche renderla divertente.

Un nome di una grande o di una buona causa.

Una delle migliori singole campagne virali nella memoria recente ci ha chiesto non solo di condividere un video, di inviare un hashtag o di fare una semplice foto. Ci ha costretti a rovesciare letteralmente su noi stessi un secchio pieno di acqua ghiacciata in un video ed invitare i nostri amici a partecipare; ed ha funzionato. Alla fine, l’Associazione contro la SLA ha raccolto oltre 100 milioni di dollari e ha ispirato nomi come Mark Zuckerberg, Martha Stewart, Justin Timberlake, Oprah, Bill Gates e centinaia ancora a pubblicare i propri video. Notando il grande interesse che la suddetta sfida ha portato, Challenged App consente alle aziende, agli enti di beneficenza ed alle celebrità online di cercare di colpire con le proprie sfide. Le aziende che hanno già un consolidato seguito ed hanno una sfida abbastanza interessante possono creare molto facilmente un video su questa piattaforma e cercare di capitalizzare quelle virali.

Una vista unica sui tempi.

In una società polarizzata che sta cercando di bilanciare più programmi ed ha diffuso ricerca ed opinioni attraverso ogni pollice della politica, dell’agricoltura, delle nascite e dello stile di vita personale, non c’è niente che scateni di più una tempesta di tweet, di azioni, di aiuti e di rifiuti come un pensiero ben costruito a tavolino o un video che tenti di dare una vista insolita dei tempi. Dai video settimanali di John Oliver  a quelli#ShoutYourAbortion di Lindy West, abbiamo visto che nulla rende la gente abbastanza irritata o determinata ad aderire ed a condividere una linea di programmi sociali che separano le persone. Le aziende hanno fatto la loro parte condividendo problemi dell’ultimo grido, come Starbucks che ha aggiunto i loro due centesimi sul controllo delle armi ed il programma uno ad uno di Shoe Tom. Ci sono molti modi per sporcarvi le mani, ma se volete veramente dare slancio al vostro brand facendo la vostra parte per portare l’attenzione del pubblico verso un’ingiustizia sociale, fate in modo che la vostra azienda si dedichi ad una causa che vi interessi.

Una profonda conoscenza con il vostro pubblico.

Se non sapete con chi state parlando, non vi sarà possibile lanciare con successo il vostro messaggio. Per fare davvero corrispondere la vostra campagna al vostro mercato di riferimento primario, dovreste sapere cosa stiano cercando: assicuratevi che il brand sia di tendenza, unico nel suo genere, in grado di illustrare uno stile di vita a cui molte persone aspirano, su una piattaforma (sia media o social ) in grado di catturare abbastanza traffico dalle persone a cui state cercando di proporre i vostri prodotti/servizi.

Semplicità.

Nonostante le capacità di una strategia di marketing a grande budget da parte di brand internazionali e nonostante i promotori e gli agitatori su Internet, la maggior parte dei video virali sul web sono girati su iPhone e caricati con Vine o riesumati dalle vecchie videocamere, fatti da gente comune di tutte le età in momenti spontanei di noia, di stupore e di ispirazione. I video adorabili con gli animali, gli annunci unici ed originali per bambini, i nuovi e ingegnosi trucchi sulle decorazioni della casa e le sorprese toccanti da persona cara a persona cara hanno l’immenso potenziale per diventare successi virali semplicemente perchè sono totalmente riferibili a chiunque faccia circolare questi video. Attingendo ad un momento intimo, sorprendendo i clienti con la macchina fotografica o condividendo favolosi tutorial di trucco da sballo, il modo in cui in una campagna di marketing diventa virale può essere più semplice di quanto pensiate.

Raggiungere il pubblico.

Niente diviene virale di per sé, è necessario spingere il vostro messaggio verso il vostro pubblico in modo tale che lo possano condividere. Quando avete un grande pezzo di contenuti, che sia in forma scritta, di un video o di un’infografica, che trovi il favore del pubblico, dovete sbatterlo in fronte a quel pubblico. Potete avere il contenuto più incredibile, ma se nessuno lo conosce, non possono connettersi con il messaggio e condividerlo. Revcontent mostra i contenuti dei brand nella loro apparizione d’origine in pubblicazioni come Forbes, Newsweek, The Motley Fool e Anwsers.com per metterli di fronte al pubblico giusto direttamente sul desktop e su dispositivi mobili. Questo tipo di amplificazione è sempre più precisa e mira ad un vero e proprio focus sulle analitiche e sull’integrità dei dati. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://marketinginsidergroup.com/content-marketing/elements-of-viral-marketing-campaign/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed