Marketing Personalizzato: 5 Modi per coinvolgere i vostri clienti

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing - marketing personalizzato

In questi giorni nel mondo del business, non è davvero sufficiente raggiungere semplicemente i clienti con il vostro messaggio di marketing, perché, il più delle volte, il vostro messaggio gli rimbalzerà contro, proprio come gocce di pioggia su una vettura sportiva appena passata con la cera, o qualcosa di simile. E’ molto meglio cercare di coinvolgere i clienti attraverso una strategia di marketing che sia personalizzata per loro, e quindi che abbia molto più significato e rilevanza su qualcosa che in realtà li interessi. Questo approccio di marketing e di merchandising è quasi del 20% più efficace rispetto al metodo tradizionale che ricopriva tutti i potenziali clienti con lo stesso messaggio. Questo non può essere visto come un numero enorme, ma un incremento del 20% delle vendite in questi giorni potrebbe fare la differenza tra successo e fallimento per un’azienda. Ecco alcuni modi con cui il marketing personalizzato può compiere questo tipo di aumento:

1. Personalizzate l’oggetto delle vostre e-mail utilizzando i dati demografici.

Potete rendere le righe dell’oggetto più personali invece che usare solo il nome del destinatario. Potete utilizzare le informazioni demografiche per scoprire se un destinatario di posta elettronica è un membro del club fedeltà, e in caso affermativo, inviargli una e-mail con l’oggetto “Offerta esclusiva per i membri del club fedeltà.” Se il destinatario vive a Los Angeles, potete inviargli una e-mail circa i migliori sentieri da fare in bici nella zona di Los Angeles. In qualsiasi modo scegliate di utilizzare i dati demografici per personalizzare le righe dell’oggetto delle e-mail, sappiate che potete anche utilizzare queste informazioni ed applicarle ai blocchi di contenuto dinamico all’interno dei messaggi di posta elettronica o del sito web.

2. Personalizzate tutte le comunicazioni della vostra azienda.

“Una buona idea è quella di collegarvi con i clienti dopo che hanno prenotato un pacchetto”, dice Anthony Trapani, amministratore delegato del Phoenix Scottsdale Golf. Per esempio, l’invio di e-mail di conferma con un messaggio personalizzato che includa le immagini del resort dove alloggeranno, scatti di eventi culturali locali e di posti dove mangiare, aggiornamenti meteo ed anche una foto di un membro del personale sia nel resort che sul campo da golf. Questa informazione è condivisibile con amici e familiari su Facebook o Twitter.

3. Spingete i clienti ad utilizzare la vostra applicazione.

Secondo Localytics , il 26% delle applicazioni che vengono scaricate non vengono mai utilizzate. Spingete i clienti ad utilizzare di nuovo la vostra applicazione usando i contenuti portati dai dati in una e-mail o sul vostro sito web per coinvolgere nuovamente quelli che avevano abbandonato la vostra app. Per i clienti che non l’abbiano ancora utilizzata in un mese, potete far visualizzare loro il contenuto dicendo che cosa c’è di nuovo o collegandoli ad una risorsa che fornisca suggerimenti per ottenere il massimo dalla vostra applicazione. Secondo Richard Wang, CEO di Passfeed, una app social, “prendere un cliente che abbia già utilizzato la vostra applicazione in passato per coinvolgerlo nuovamente è molto più facile, più intelligente e più redditizio che cercare di acquisire nuovi contatti per scaricare l’applicazione. Quindi ha senso concentrarsi maggiormente sui primi. In primo luogo l’hanno scaricata perché significava qualcosa per loro. Questo è abbastanza ovvio, no? E anche se Passfeed sta diventando sempre più popolare tra gli studenti universitari, in base alla sua base di utenti in crescita in modo incredibile nel corso dell’ultimo anno, coinvolgere nuovamente i nostri utenti è ancora il nostro metodo chiave di marketing. Troppe aziende spesso investono tempo, denaro e strategie cercando di catturare nuovi contatti invece di impegnarsi e di servire la loro base di utenti esistenti. ”

4. Offrite dei contenuti in base al fatto che un cliente sia attivo sui social.

“Sapere se un cliente è attivo sui social media può essere un grande vantaggio per la vostra strategia di marketing personalizzato”, dice Marissa Hernandez, direttore delle operazioni per il sito di viaggi online, Puerto-Penasco.com. “Facendo uso della tecnologia moderna, potrete effettivamente sapere se un cliente sia attivo sui social media chiedendo alcune domande: hanno fatto l’accesso sul vostro sito utilizzando il loro profilo di Facebook? Condividono molto i vostri contenuti? O hanno commentato i post del vostro blog?”, ha detto. Lei afferma che le aziende dovrebbero quindi utilizzare queste informazioni per servire contenuti unici, come offrire a questi clienti l’opportunità di esaminare uno sneak peek di un Facebook promo, mandando avanti o spingendo un commentatore del blog a visitare il loro feed di Twitter per ulteriori contenuti che stimolino la riflessione.

5. Sperimentate con le cerchie di Google+ basate sugli argomenti per indirizzare i contenuti.

Potete inoltre utilizzare i social network per fornire dei contenuti. Usando cerchie più personalizzate su Google+, potrete formare delle diverse cerchie di argomenti in base a ciò che è importante per il pubblico di destinazione. Potete quindi chiedere ai vostri follower a quale pagina vorrebbero essere aggiunti, e distribuire loro contenuti pertinenti mirati solamente a quelle cerchie. Questo crea un elemento di singolarità, fatto apposta specificatamente per il cliente. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://marketinginsidergroup.com/content-marketing/5-ways-engage-customers-personalized-marketing/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed