La personalizzazione è il futuro del Content Marketing

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing personalizzazione dei contenuti

Sta diventando sempre più difficile raggiungere i consumatori di oggi. Quasi ogni marketer ogni giorno crea e condivide nuovi contenuti per il loro brand. Una buona strategia di contenuti con un piano di distribuzione efficace non vi garantiscono più che il contenuto verrà visto dal vostro target di riferimento. Quindi, come fate a verificare che il contenuto che state producendo si distingua da quello della concorrenza e catturi l’attenzione di un cliente? Con la personalizzazione dei contenuti! Mettendolo proprio di fronte alle persone giuste, al momento giusto, attraverso i canali giusti, potrete molto più efficacemente coinvolgere e convertire in clienti il target di riferimento per la vostra azienda.

CHE COS’È LA PERSONALIZZAZIONE?

La personalizzazione consiste nel mirare a dei contenuti che siano su misura per gli individui, in base alle loro esigenze ed ai loro interessi. Perché questo è importante? Con la marea di contenuti a cui le persone sono esposte ogni giorno, questi leggono solo ciò che sia rilevante ed importante per loro. E purtroppo il resto verrà solo ignorato e non sarà mai letto. Per brillare in mezzo alla fuffa e per far sì che il vostro target di riferimento si fermi a leggere i vostri contenuti e ne sia coinvolto, avete bisogno di parlare delle sfide che questi devono fronteggiare e di offrire loro le soluzioni che stanno cercando.

COME POSSO APPLICARE LA PERSONALIZZAZIONE ALLA MIA STRATEGIA DI CONTENT MARKETING?

La personalizzazione può essere molto difficile quando si tratta di content marketing. Come dice Rebecca Lieb di Altimeter Group, questa branca del marketing tende ad essere di forma più lunga e meno automatizzata rispetto ad altre attività personalizzate di marketing, come i banner o le e-mail. Quindi, se state lavorando con un budget e con delle risorse limitati, è ancora possibile la personalizzazione nella vostra strategia di content marketing?

La buona notizia è che è possibile! Ecco alcuni suggerimenti ed idee per aiutarvi ad iniziare con la personalizzazione del content marketing:

1. Conoscete il vostro pubblico.
Qual’è il vostro pubblico di riferimento? Quali sono le sfide ed i punti di dolore che li tengono svegli di notte? Quando, dove, perché e come cercano soluzioni ed accedono ai contenuti? Condurre delle ricerche esterne ed un’analisi della concorrenza vi aiuteranno a conoscere meglio i vostri potenziali clienti, ma potrete anche sfruttare i dati dei clienti e gli approfondimenti che avete già per preparare la vostra strategia di personalizzazione dei contenuti. Jon Miller, l’ex VP Marketing e Co-fondatore di Marketo, raccomanda ai professionisti del marketing di parlare anche con le persone che lavorano presso le aziende target. Scoprite di cosa si preoccupano di più e ciò che sia veramente rilevante per loro. Imparate il tipo di linguaggio che usano. E quando create il contenuto, potrete adottare quello che utilizzano in modo da parlare la loro stessa lingua. In definitiva dovrete sviluppare una comprensione profonda di quelli con cui il vostro brand sta comunicando, quali tipi di argomenti e di contenuti il ​​pubblico di destinazione voglia ed abbia bisogno, e, una volta che avrete quelle intuizioni, la personalizzazione può essere applicata attraverso diversi argomenti di contenuti e diversi formati, diversi canali e diverse piattaforme in base alle loro preferenze.

2. Avviate delle misurazioni piccole e intelligenti.
La personalizzazione dei contenuti funziona anche con le giuste tecnologie. Non dovete perdere l’elemento personalizzato e tornare ai tradizionali approcci di marketing. Doug Kessler, il co-fondatore e direttore creativo di Velocity Partner, suggerisce di cominciare con la segmentazione per discipline, sia verticale che geografica, poi il contenuto basato sul comportamento come passo successivo. Per coloro che abbiano familiarità con L’Account Based Marketing (ABM), dovrete sostanzialmente ridurre un certo numero di account di alto valore che desiderate raggiungere e che siete in grado di gestire, poi concentrate gli sforzi di marketing sullo sviluppo e sull’attuazione di contenuti e messaggi personalizzati che siano altamente specifici e rilevanti per i potenziali clienti e per le loro esigenze. Per accrescere e misurare i vostri sforzi, Miller raccomanda ai professionisti del marketing di sviluppare da 1 a 3 modelli di contenuto che ne forniscano la spina dorsale, che possano poi utilizzare per personalizzarli sulla base delle intuizioni che hanno accumulato su un cliente specifico. Ciò contribuirebbe ad accelerare il processo di creazione dei contenuti, senza la necessità di ripartire da zero per ogni account e senza comprometterne la qualità. La personalizzazione va anche oltre al contenuto che i marketer producono. Come il fondatore e CEO di Curata Pawan Deshpande suggerisce, la personalizzazione curata dei contenuti è spesso più facile e può essere altrettanto importante per i clienti vecchi e per quelli potenziali. Ad esempio, in base a ciò che sapete su un elenco specifico di iscritti via e-mail, potete personalizzare il contenuto nella vostra newsletter, così condividerete solo i pezzi che saranno più rilevanti per loro. Segnatevi quali pezzi piacciano alla maggior parte di loro e potrete ottenere un risultato ancora più fine, per poi personalizzare ulteriormente il contenuto al fine di includere più argomenti, più tipologie di formati (ad esempio infografiche, video, ecc.) e gli autori che sarebbero più interessati a conoscere.

3. Sfruttate i dati e la tecnologia.
I dati sono inseparabili da un’efficace strategia di personalizzazione dei contenuti. Non solo questi vengono utilizzati per acquisire conoscenze sulle esigenze e sugli interessi del vostro target di riferimento, i dati possono anche essere utilizzati per prevedere le tendenze ed i modelli di comportamento futuri, in modo da poter creare dei contenuti personalizzati che non solo costruiscano relazioni ed amplino quelle già esistenti, ma anche che approfondiscano in modo efficace il coinvolgimento con i vostri potenziali clienti, in ogni punto di interazione per tutto il percorso di acquisto. Come Miller spiega, con la personalizzazione dei contenuti, quando introducete qualcuno nel vostro percorso informativo offrendo loro il contenuto A in una e-mail, ad esempio, se con questo pezzo vengono coinvolti, potete immediatamente esporre loro al contenuto B. E se accade lo stesso anche con quest’ultimo, potrete attivare automaticamente un’altra e-mail personalizzata offrendo loro il contenuto C. La personalizzazione dei contenuti consente di muovere i potenziali clienti con un processo molto più veloce, approfittando della loro attenzione e del loro immediato coinvolgimento, piuttosto che aspettare una settimana o due per raggiungerli dopo che siano stati attirati dal pezzo iniziale di contenuti, che avete inviato loro o attraverso un modulo di generazione di contatti. È per questo che la tecnologia qui gioca un ruolo fondamentale. Dovete assicurarvi che tutti i tipi di tecnologie per il marketing, compresi gli strumenti di analitiche del web, il sistema di gestione dei contenuti e delle altre fonti di dati, possano essere collegate per offrirvi uno sguardo più profondo sui vostri potenziali clienti, in modo da poter personalizzare ulteriormente i contenuti ed i messaggi sulla base di queste intuizioni, così come per automatizzare e gestire i vostri sforzi di personalizzazione in modo molto più efficiente. Lavorando insieme, i dati e la tecnologia possono aiutarvi a consegnare un’esperienza multicanale unica ed altamente personalizzata per i vostri potenziali clienti, in ogni punto di interazione con il contenuto in base alle loro esigenze, ai loro interessi ed alle loro preferenze, permettendo al vostro brand di distinguersi dalla concorrenza e di coinvolgere il pubblico di destinazione più profondamente, per poi infine convertirsi.

La personalizzazione del contenuto è una priorità assoluta per il vostro team di marketing? Quando avete applicato questa personalizzazione di contenuti ai vostri sforzi di marketing, cos’è stato quello che ha funzionato o non ha funzionato per voi? Ci piacerebbe sentire le vostri best practices, i suggerimenti e le lezioni apprese, quindi vi preghiamo di condividere le vostre idee qui sotto! (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://marketinginsidergroup.com/content-marketing/personalization-future-content-marketing/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed