7 suggerimenti di automazione dell’e-mail Marketing per i Brand

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing automazione e-mail marketing

Un’e-mail list è preziosa per la vostra azienda. Certo, potreste avere moltissimi follower su Facebook o Twitter, ma entrambe le piattaforme possono modificare i loro algoritmi durante la notte e lasciarvi a bocca asciutta. In questo momento, si stima che circa il 90% delle imprese non automatizzino le loro strategie di marketing. Il 10% rimanente hanno un enorme vantaggio. Ecco sette consigli di automazione dell‘e-mail marketing per la vostra brama di conoscenze.

1. Segmentate la vostra e-mail list.

Segmentare la vostra e-mail list vi consente di fornire un’esperienza ulteriore e personalizzata per i vostri iscritti. Potrete segmentare la vostra lista in base a quando qualcuno si sia unito, quello che abbiano aperto le email, i loro dati demografici e così via. Segmentando la vostra lista, siete in grado di comunicare direttamente al consumatore: ogni e-mail che leggeranno sarà rilevante per la loro vita. Ciò li tiene emotivamente coinvolti, mantenendovi fuori dalla loro cartella dello spam.

2. Testate le vostre tempistiche.

Non ci sono carenze di articoli scritti sul tema di quali siano gli orari ed i giorni migliori della settimana per inviare un’e-mail. Quando la luna è nella settima casa in un giorno dispari in un mese che cominci con la lettera G … avrete l’idea. Il fatto è che la risposta varia da brand a brand, questo è il motivo per cui dovrete provare, provare e provare. Inviate delle e-mail alle 9 del mattino ed osservate quanto spesso vengano aperte. Inviatele in un pomeriggio di Domenica. Alla mezzanotte del Venerdì. Tenete traccia dei vostri tassi di apertura. Noterete che alcuni segmenti della vostra lista risponderanno in modo positivo ad orari diversi: fate in modo di approfittare di questo, ed automatizzate i getti di e-mail in modo che corrispondano con il momento migliore per i vostri iscritti.

3. Utilizzate le e-mail testuali.

Il vostro messaggio di e-mail potrebbe sembrare splendido nella cartella della posta in arrivo, ma considerate questo: la stragrande maggioranza dei vostri iscritti utilizzerà un programma di e-mail che bloccherà eventuali ulteriori immagini. E tutto questo tempo che passate in modo da far sì che il messaggio sembri bellissimo? E’ uno spreco. L’automazione è tutta questione di velocità e, dovendo inserire e regolare le immagini manualmente, state perdendo del tempo. E la cosa peggiore? Lo state perdendo nel fare qualcosa che la maggior parte dei vostri iscritti non potrebbero nemmeno vedere.

4. Lasciate che i vostri iscritti gestiscano le loro preferenze.

Volete il massimo in termini di automazione? Lasciate allora che i vostri iscritti lavorino per voi. Date loro la possibilità di cambiare le loro preferenze di abbonamento. Quanto spesso vogliono essere contattati? Di che tipo di argomenti vogliono sentir parlare? In sostanza, i vostri iscritti si segmenteranno da soli per voi. Non dovrete fare nulla, ma grazie all’aggiornamento delle loro preferenze, sarete in grado di migliorarvi sui tassi di abbandono.

5. Selezionate la soluzione giusta.

Troppe Piccole e Medie Imprese finiscono per arrivare oltre le proprie capacità, perché scelgono il software sbagliato quando sono proprio agli inizi. Invece di essere entusiasmati da tutte le caratteristiche che presenti un particolare servizio d’iscrizione alle e-mail, prendete in considerazione ciò che è necessario, prima di iniziare l’acquisto. Fate un elenco. Che cosa è importante? Che cosa non lo è? Qual è il vostro budget? Poi, quando siete alla ricerca di una soluzione, prendete in considerazione solo quelli che siano all’interno del vostro budget, e non affannatevi a pensare a quelle caratteristiche che sapete che non potranno venire mai usate.

6. Riducete la vostra lista.

Anche se l’avere un grande elenco di iscritti potrebbe sembrare ideale, non è il numero di abbonati totali che conta: è il numero di quelli attivi. In quanto tale, dovreste costantemente cercare di raffinare la vostra e-mail list. Il modo migliore per automatizzare ciò? Inviate un’e-mail di interruzione dell’iscrizione ai membri della vostra lista che non abbiano aperto da un po’ di tempo nessuna delle vostre e-mail. Se non rispondono all’e-mail di rottura del rapporto, saprete che potete tranquillamente rimuoverli dalla vostra lista. E non rendete l’abbandono difficile: quelli non sono il genere di persone che volete nel vostro elenco.

7. Chiedete ai vostri iscritti ciò che vogliono.

Questo può essere il più ovvio di questi suggerimenti ma anche quello più spesso trascurato. La prima e-mail, che un nuovo abbonato dovrebbe leggere (dopo quella di conferma), dovrebbe chiedere loro perché si siano iscritti all’e-mail list del vostro brand. Fatelo e prestate attenzione alla risposta, così saprete come dovreste segmentare il nuovo abbonato. Questo vi permette di individuare la loro esperienza, con un conseguente rapporto più lungo e più profondo. Chiedete e vi sarà dato, bambini. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://marketinginsidergroup.com/content-marketing/7-email-marketing-automation-tips-brand-marketers/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed