Le 5 più importanti strategie di B2B marketing da non ignorare

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing 5 strategie B2B Marketing

Nel nostro mondo in continuo progresso, potrebbe essere difficile tenere il passo, in particolare per i professionisti del marketing B2B. Apparentemente ogni settimana c’è una nuova tattica di marketing non solo da analizzare per la validità e per la tenuta, ma anche da imparare, da implementare e da utilizzare a proprio vantaggio. Specialmente online, ci sono piattaforme, software e strumenti di marketing infiniti, ognuno che promette di soddisfare i vostri obiettivi aziendali per la generazione dei lead, per convertire i clienti e, in definitiva, per aumentare il ritorno della vostra azienda sugli investimenti di marketing (ROMI). Allora, dove dovreste concentrare i vostri sforzi? Come professionisti di marketing B2B, dato che siamo sempre interessati a ciò, abbiamo fatto il primo passo e siamo qui per dirvi esattamente dove dovreste cominciare.

Ecco 5 tattiche di marketing B2B che valgono la pena, il vostro tempo e l’investimento:

1. SVILUPPO DEL WEB: SITO WEB ED ESPERIENZA PER GLI UTENTI DAI DISPOSITIVI MOBILI.

L’80% degli utenti di Internet ora possiede uno smartphone. Che cosa significa questo per la vostra azienda? Significa che qualsiasi metodo stiate utilizzando per cercare di raggiungere il pubblico target, (e-mail marketing, SEM e SEO) la destinazione finale sarà probabilmente il sito web della vostra impresa per i dispositivi mobili. Quindi, questo genera la domanda: cosa troveranno gli utenti di telefonia mobile quando ci arrivano? Idealmente l’utente troverà un sito web che sia ottimizzato per i dispositivi mobili, convincendoli a comprare quello che state vendendo. Per aumentare la probabilità di una conversione su uno smartphone, considerate i seguenti fattori dell’esperienza per l’utente dei dispositivi mobili: il primo fattore importante di tale esperienza è il design responsivo. Invece di costruire più siti, molte aziende scelgono di crearne uno che possa essere opportunamente adattato per i dispositivi mobili. Un design responsivo affronta diversi aspetti, tra cui le proporzioni, la velocità di caricamento e le mappe del sito. Un sito efficiente per dispositivi mobili deve essere lo specchio del vostro sito su desktop, ma anche deve essere regolato per schermi di piccole dimensioni. Gli utenti dovrebbero essere in grado di fare clic sui link e sui pulsanti senza costantemente pizzicare per ingrandire e rimpicciolire. Un altro aggiustamento da tenere in conto è la velocità di caricamento. Gli utenti dei dispositivi mobili si aspettano dei siti che carichino in pochi secondi. In effetti, è improbabile che il 61% degli utenti rivisitino un sito per cellulari in cui hanno avuto problemi di accesso ed è facile che il 40% invece visiti il sito di un concorrente. Infine, la vostra mappa del sito dovrebbe essere logica e facile da navigare sua su desktop che su dispositivo mobile, altrimenti troverete un alto tasso di rimbalzo dal vostro sito, probabilmente verso quello di un concorrente. Se ancora non siete convinti, notate che il 57% degli utenti afferma che non consiglierebbe un’azienda con un sito per cellulari mal progettato. Per riassumere: è un mondo di dispositivi mobili e ci stiamo proprio vivendo.

2. BRANDING, REBRANDING ED IL LANCIO STESSO.

Nel mondo B2B, è facile dire, “Branding? Questo è per le aziende B2C “. Al contrario, amici miei. Il branding B2B è una tattica davvero essenziale per far sentire i vostri contatti a loro agio con il vostro prodotto o con il vostro servizio. Prendetevi un secondo e prendete in considerazione tutti gli aspetti della vostra attività che includano piccoli (o grandi) elementi di branding: biglietti da visita, siti web, brochure, iscrizioni alle e-mail, display per fiere, materiali di selezione e l’elenco potrebbe continuare. Dalle piccole dispense ai prodotti finali basati sugli eventi, il brand svolge un ruolo enorme nel portare credibilità alla vostra azienda B2B. Un passo fondamentale per la creazione di materiali di marketing connessi consiste nello sviluppare una guida sulla strategia del marchio. E’ importante definire le dichiarazioni di mission e vision della vostra azienda, poi applicarle a tutti gli aspetti del vostro brand B2B e a tutte le vostre operazioni. Stabilire una solida base del marchio, centrato sul vostro target di riferimento, è la chiave del successo nel marketing B2B, in particolare per i settori di nicchia. Dopo aver fatto tutta la rigida strategia dietro le quinte, è importante che orchestriate con cura il lancio del marchio (o rebrand). Sviluppate un bombardamento strategico sui media ed avvaletevi alle pubbliche relazioni per diffondere la notizia agli influenzatori e ai decision maker nel vostro mercato. Pensate ad integrare il vostro piano di PR con gli aggiornamenti del sito, con l’email marketing econ i social media per portare credibilità.

3. SEARCH ENGINE OPTIMIZATION (SEO): IL MIGLIORE AMICO DEL CONTENT MARKETING.

Ora che avete un sito web ottimizzato per i dispositivi mobili ed il giusto brand messi a posto, cerchiamo di lavorare sul portargli i visitatori. Qui è dove entra in gioco il SEO, ma molte aziende non sono certe da dove cominciare. Nell’anno passato, ottimizzare il vostro sito web è stato semplice e ha coinvolto la diffusione di parole chiave in tutta la vostra home page. Ora, con i sofisticati algoritmi di Google, il livello si è parecchio innalzato. Per migliorare il vostro SEO e le vostre posizioni di classificazione dei motori di ricerca (SERP) su Google, il modo migliore è quello di creare dei grandi contenuti. Dal blog alle infografiche, il content marketing è un modo per ottenere autorevolezza agli occhi di Google, ma porre i contenuti sul vostro sito web non è sufficiente a far decollare il SEO. Il contenuto, anche riferito come risorsa dei link, dovrebbe essere immesso sulle altre notizie o su altri siti web relativi al vostro settore. Più facile a dirsi che a farsi, giusto? E’ vero, scagliare scrittori ed editori a pubblicare sul vostro ultimo blog può essere un lavoro faticoso. Proprio come le relazioni pubbliche, molti editori declineranno la vostra offerta. La chiave è trovare la giusta misura. Individuare dei blog di nicchia che coprano il vostro settore o la più ampia portata del vostro settore si tradurrà in contatti che siano più inclini a pubblicare il vostro contenuto. Una volta che un sito di terze parti si impegni ad ospitare i vostri contenuti, fornitegli un link che indirizzi l’utente verso il vostro sito web all’interno del contenuto stesso. Tale collegamento viene chiamato backlink; che ci porta alla formula “magica”: più risorse di link dentro e fuori dal vostro sito web equivalgono ad un migliore SEO per la vostra azienda B2B.

4. SEARCH ENGINE MARKETING (SEM): GOOGLE ADWORDS.

Il SEM è un altro modo per raggiungere i vostri clienti online. E’ un ottimo strumento per coloro che debbano affrontare una forte concorrenza per una posizione organica sui motori di ricerca. Google Adwords pone l’annuncio della vostra azienda tra i primi quattro slot su Google, sulla base delle parole chiave. Anche se questo appare come un segno ben distinto di “annuncio”, che potrebbe far allontanare alcune persone, l’aumento dei clic e le impressioni forniranno una spinta ulteriore al traffico verso il vostro sito web. Un’altra domanda che potreste avere è: perché Adwords quando la SEM è disponibile su altri motori di ricerca, come Yahoo e Bing? Anche se Google è un’opzione più costosa, la società detiene attualmente il 71% della quota di mercato di ricerca. Inoltre, le campagne di visualizzazione di Google raggiungono l’80% degli utenti di Internet a livello mondiale. Dal punto di vista delle probabilità, Google è la soluzione migliore.

5. SOCIAL MEDIA: CONTENUTI SPONSORIZZATI SU LINKEDIN.

I social media? Molti marketer B2B vedono i social come un fardello con molto poco ritorno. E in alcuni canali social potreste anche avere ragione. E’ difficile trovare delle foto utili per Instagram quando vendete assicurazioni contro gli errori professionali (Si può invece, chiedetelo a noi di S4p come fare! N.d.T.). E probabilmente, un’azienda di software potrebbe non vedere alcuna utilità in una pagina Pinterest (Sbagliato! Chiedete a noi di S4p Marketing come fare! N.d.T.). Eppure c’è una piattaforma che i professionisti del B2B marketing non dovrebbero trascurare. LinkedIn è stata valutata la piattaforma più efficace di social media al 66% e il 94% delle organizzazioni B2B la utilizzano per distribuire i loro contenuti. Se siete alla ricerca di potenziali clienti nel settore degli alti dirigenti, quasi la metà del 25% di quelli che guadagnano di più su Internet sono membri del suddetto social. Un altro modo per fare più affari su LinkedIn è quello di utilizzare dei contenuti sponsorizzati. Se il vostro budget pubblicitario online non è immenso, allora i social media diventano un modo fantastico per promuovere la vostra attività. Un ulteriore vantaggio è la funzione di targeting di LinkedIn per i contenuti e gli annunci testuali sponsorizzati. Ci sono 15 diverse categorie di targeting, compresa l’ubicazione, il settore dell’azienda, il titolo di lavoro, l’anzianità, il sesso, l’età e gli anni di esperienza, solo per citarne alcuni. Il targeting può essere molto utile, ma assicuratevi di mantenere il pubblico circa a 300.000 per i contenuti sponsorizzati e da 60,000 a 400,000 per gli annunci di testo. Nel caso in cui ve lo siate dimenticato, LinkedIn ha una notifica integrata ( “Pubblico troppo limitato”), che riceverete se l’annuncio avesse il potenziale per essere sottoesposto.

Tutte e cinque queste tattiche certamente potrebbero migliorare il vostro piano di B2B marketing. Se questa lista sembrasse scoraggiante, iniziate con l’ottimizzazione per i dispositivi mobili o con un annuncio di testo su LinkedIn. Implementare il vostro piano di marketing tradizionale è il primo passo per trasformare la reputazione e l’esposizione della vostra azienda in un mondo che cambia. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://marketinginsidergroup.com/strategy/top-5-b2b-marketing-tactics-cant-ignore/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed