Come gli Avvocati utilizzano i social media per lavoro

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing Social Media Avvocati

LinkedIn è sempre stata la piattaforma social ideale per i professionisti aziendali di qualsiasi tipo. Ma gli avvocati hanno notato i benefici di altri social e stanno iniziando ad espandersi. Secondo MyCase, il 73% degli avvocati ha una presenza personale su LinkedIn, il 27% usa Facebook per scopi professionali ed il 23% usa Twitter per la propria professione. Ecco come stanno utilizzando i social media per la loro attività.

1. Promuovere un blog.

Gli avvocati stanno lentamente iniziando a raccogliere i frutti del blogging per il loro successo professionale. Il 26% degli studi legali ha tenuto un blog nel 2016, in crescita dal 22% dell’anno precedente. E le piattaforme dei social media sono i luoghi ideali per promuovere un blog e portarvici del traffico. Ma alcuni blog legali sono meglio di altri per attirare l’interesse della comunità sociale. Il media strategist Drew Keller ha detto: “Troppi post sui blog, video e articoli che vedo nella comunità legale sembrano degli argomenti di vendita. Il vostro storytelling deve riflettere l’esperienza umana”. Usate il vostro blog come una piattaforma per lo storytelling, non come un posto per inviare i vostri argomenti giuridici. Poi potrete usare la maggior parte dei social media per promuoverlo.

2. Coinvolgere con gli hashtag.

Alcuni avvocati stanno già approfittando del trend degli hashtag per ampliare la loro portata sui social media. “Nessuna presenza sui social media potrà essere efficace senza utilizzare gli hashtag”, ha dichiarato Chris Vernon, avvocato presso la VernonLitigation . “Ogni settore li ha e sono un ottimo modo per entrare in contatto con il pubblico di destinazione. Ad esempio, #LegalTech è un hashtag popolare che gli avvocati usano per unirsi alle conversazioni su nuove soluzioni tecnologiche legali. Un altro esempio è l’hashtag #ShutItDown che è diventato popolare durante le proteste di Eric Garner. Molti avvocati l’hanno usato per twittare le loro informazioni di contatto, offrendo servizi legali per i manifestanti che sono stati arrestati”.

3. Diventare leader di pensiero del settore.

Negli ultimi anni, le piattaforme social sono diventate dei portali per la notizie, e quelle sulla professione legale non fanno eccezione. Molti avvocati stanno costruendo la loro reputazione come leader di pensiero del settore condividendo e commentando le ultime novità nel loro campo. Un’altra opzione è quella di curare e di condividere delle notizie sui settori relativi al vostro campo di pratica. Questo è ciò che fa Bob White, un avvocato della Florida. Lui usa Twitter per condividere gli articoli di tecnologia che trova ogni settimana. Secondo Mashable, Bob è riuscito come risultato a trasformare alcune aziende tecnologiche in clienti. Diventare un leader di pensiero nel vostro settore è molto più di una semplice condivisione di contenuti. Invece dovreste chiedervi : “Perché queste informazioni sono importanti per me?” e “Che cosa devo fare?”. Le risposte a queste domande vi aiuteranno a raccogliere idee sui modi per coinvolgere il pubblico attraverso le interviste. Raccogliendo dei feedback, potrete creare il vostro contenuto del blog in base alle notizie del settore ed ai pensieri del vostro pubblico.

4. Marketing del Passa-parola.

La maggior parte delle aziende si rivolgono ai social media per connettersi con i propri clienti o con i clienti target, ma non è il caso per gli avvocati. La maggior parte degli studi legali non sono alla ricerca di clienti “sicuri” che li trovino su Twitter. Invece, loro stanno cercando di collegarsi con gli altri leader di pensiero credibili che possano conoscere qualcuno che abbia bisogno di aiuto legale. E’ un modo per esaminare i potenziali clienti in quanto provengono da una fonte credibile. Allora come potete ottenere questi contatti di valore sui social? Il Procuratore Nicole Black ha detto: “Un modo per connettervi con altri avvocati è quello di individuare e di seguire i blog nella vostra area di pratica o nella vostra zona geografica. Lasciate dei commenti sui post che vi interessano. Impegnatevi in una conversazione nei commenti con altri lettori e con il proprietario del blog e create dei link che conducano al vostro blog o al vostro sito web quando state commentando.”

5. Rendetelo etico e state al sicuro.

Probabilmente la parte più importante del modo in cui gli avvocati utilizzano i social media consiste nel seguire le linee guida etiche, secondo The Law Group Rodriguez. Come piattaforma pubblica, i social media mettono in pubblico le attività e gli errori. Le persone usano strumenti come Checkthem per effettuare un controllo approfondito sulle imprese e sulle persone prima di trattare con loro, di conseguenza utilizzare i social media rende più importante che mai il seguire le linee guida etiche in ogni momento. La New York State Bar Association ha pubblicato delle linee guida etiche sui social media per gli avvocati di New York. Ma è prudente se tutti gli avvocati le seguono. Ecco alcuni punti da considerare:

  • Le norme esistenti sulla pubblicità per un avvocato e sull’adescamento dei clienti si applicano ai post dei social media. Ogni volta che promuovete dei servizi legali sui social media, dovrete includere le stesse informazioni richieste nella pubblicità sulla stampa. Questa è una sfida quando avete il limite di 140 caratteri.
  • Proteggete l’identità ed i dati del cliente. Il Modello 1.1 dei Regolamenti dell’American Bar Association ha sempre richiesto agli avvocati di essere competenti nelle loro aree di pratica, ma a partire dal 2012, ha richiesto loro di essere abili nell’uso e nel conoscere il rischio della tecnologia. Quindi, quellti che utilizzano i social media per le imprese devono prendere misure precauzionali, come la crittografia dei documenti sensibili dei clienti che inviano, l’utilizzare le reti Wi-Fi protette ed il proteggere i loro computer contro i ransomware.
  • Gli avvocati dovrebbero fare attenzione quando usano intestazioni “predefinite” sui social media. Le personalità di Twitter possono chiamarsi come vogliono sui social media, ma non è questo il caso per gli avvocati. Se vi descrivete come “esperti” in una certa area del diritto, questo significa che siete legalmente certificati dalla American Bar Association, a prescindere dalla vostra esperienza nel settore.

Dal momento che sempre più avvocati si iscrivono sui social media per scopi professionali, i vantaggi e le best practice probabilmente diventeranno ancora più chiari. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://www.forbes.com/sites/jimmyrohampton/2017/03/09/beyond-linkedin-how-lawyers-are-using-social-media-for-business/#788dc79015f0

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed