SEO: servono contenuti freschi per attirare Google

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing SEO contenuti freschi

Se pubblicate un nuovo post sul blog o un video di how-to due volte alla settimana, significa che il vostro sito web sia fresco come una rosa? Non secondo i motori di ricerca. C’è molto di più da fare per dare freschezza al vostro sito piuttosto che la pubblicazione di nuovi contenuti. Molti marketer non prendono abbastanza sul serio l’intero scopo di questa freschezza, favorendo nuovi contenuti ma trascurando quelli vecchi. Ho intenzione di attivare un po’ di sincronia in questa sede. E’ un ottimo modo per capire il motivo per cui sia importante aggiornare regolarmente e modificare il vostro sito per migliorarne il posizionamento su Google .

Pane raffermo, le calze che indossavate ieri in palestra, il latte scaduto e le flaccide banane marroni. Hanno la stessa cosa in comune: sono sgradevoli. Ecco come i bot di Google considerano i contenuti web stantii. In sostanza, no grazie. (Tranne che per un’eccezione, di cui parleremo più avanti)

COSA SUCCEDE QUANDO IL VOSTRO SITO NON È FRESCO?

Quando non aggiornate abbastanza il vostro sito, questo comincia a essere visto dai motori di ricerca come un’entità statica. E’ un ramo secco, abbastanza buono per il muschio e per i funghi, ma non per il marketing. Perché accade questo? C’è una spiegazione semplice e una più sfumata. Questa è quella semplice: meno aggiornamenti semplicemente implica meno passaggi da parte dei bot. I bot di Google, e quelli che gli altri motori di ricerca inviano, indicano se un sito sia fresco o meno. Questo perché ci sono meno cose che questi ragazzi possono indicizzare. Questi gravitano dove risiede l’azione. Si tratta di una legge fondamentale dell’universo di Internet.

La risposta più sfumata è di due parole brevi ma potenti: gli algoritmi di Google. Google guarda ad una serie di fattori per determinare la rilevanza di un sito, molti dei quali hanno a che fare con la freschezza. Quindi, mantenere il vostro contenuto fresco, aggiornato, ben curato e ben revisionato ed il più prezioso possibile, vi porterà ad una classificazione più alta. Ha senso quando guardate davvero al lavoro dei motori di ricerca. Tutto il loro scopo è quello di identificare dei contenuti di valore e rilevanti per i cercatori. Il materiale obsoleto e superato non è rilevante.

Un sito web che non abbia messaggi abbastanza nuovi e freschi e che venga caricato con contenuti datati, alla fine sarà caratterizzato da:

  • Minor coinvolgimento;
  • Frequenza di rimbalzo più elevata;
  • Bassa classificazione;
  • Staticità del traffico di ricerca.

Potrete ottenere una spinta di doppia intensità se vi concentrerete sulla freschezza.

  • In primo luogo, dal numero di aggiornamenti sul vostro sito, che attireranno i crawler del web;
  • In secondo luogo, dalla qualità della freschezza delle vostre azioni, che migliorerà la vostra posizione quando sarete indicizzati più frequentemente.

Si tratta di una grande vittoria. A meno che … non diate la priorità alla quantità di aggiornamenti, piuttosto che alla loro rilevanza ed al loro valore, e a meno che pubblichiate nuovi contenuti o apportiate delle modifiche che non servano ad uno scopo.

TROPPO FRESCO NON È MEGLIO DI UNA BANANA ACERBA.

Un aggiornamento eccessivo solo per il gusto di attirare i crawler del web è altrettanto inutile in termini di aumento del valore del vostro sito, come lo è un’eccessiva farcitura di parole chiave. Potreste correre il rischio di ridurre la qualità del vostro sito e di abbassare il vostro posizionamento. Ogni nuovo contenuto che pubblicate ed ogni modifica che apportate dovrebbero rendere il vostro sito più prezioso per i ricercatori. L’esperto di SEO, Cyrus Shephard, spiega che il modo in cui l’algoritmo di Google guarda alla freschezza è molto complesso. Questo tiene conto delle dimensioni delle modifiche apportate (vale a dire una nuova intestazione contro il cambiamento dei 3/4 del corpo del testo), quali componenti siano stati alterati (i commenti ed i tag di data/tempo non sono importanti quanto il corpo del testo aggiornato) e di altri fattori che segnalino la qualità degli aggiornamenti. Non la quantità. Google considera anche uno spettro di certi termini di ricerca che richiedano un certo grado di freschezza. Ad esempio, i termini di ricerca che indichino argomenti, trend o notizie molto gettonati sarebbero naturalmente collegati alle più fresche aspettative rispetto a dei contenuti sempreverdi. Questo ci porta all’eccezione. Il contenuto sempreverde è buono. Quello più vecchio e più statico può, in alcuni casi, essere percepito come molto meglio di un post più vecchio “ancora vivo”.

“Per alcune query, i documenti con contenuti che non sia stato recentemente cambiato possono essere più favorevoli di quelli con dei contenuti che siano stati modificati di recente.” (Brevetto degli USA sul punteggio dei documenti basati sull’aggiornamento del contenuto del documento stesso)

Cosa significa questo? Google sembra sempre favorire dei contenuti sempreverdi autorevoli e ben stagionati. Pensatela così. Che valore potrebbe essere aggiunto ad un post ben scritto sul blog che faccia la cronaca del movimento Solidarnosc in Polonia (o un pezzo biografico su Charles Darwin) aggiornando il testo? Non tanto poiché le informazioni non potrebbero cambiare. I cambiamenti del valore naturale potrebbero essere un costante aumento di link da parte di altri siti autorevoli nel tempo e di ulteriori commenti.

COME RENDERE IL VOSTRO CONTENUTO ABBASTANZA FRESCO.

Che cosa possono fare i professionisti del marketing digitale per garantire che il loro contenuto possa essere fresco come una banana matura e perfettamente gialla? Non verde, non marrone e gialla.

Ecco i fattori di freschezza che possono aiutare a rendere i vostri contenuti più attraenti per Google:

  • Pubblicate regolarmente nuovi contenuti ed in modo coerente.
  • Tornate indietro e rinfrescare regolarmente il vostro vecchio contenuto. Correggete i link interrotti, aggiungete o modificate il contenuto visivo per i post del vostro blog o per le pagine web. Assicuratevi che tutto sia accurato, aggiornato e ben scritto in termini di chiarezza, di organicità e di stile e poi ripubblicatelo utilizzando lo stesso URL e le stesse parole chiave. HubSpot raccomanda anche l’aggiunta di note di un editor quando ripubblicate i vostri post precedenti.
  • Aggiungete nuove pagine al vostro sito web, se del caso. Alcuni webmaster hanno raccomandato un aumento del 20 al 30% ogni anno, anche se, come sempre, solo se ciò aggiunge valore.
  • Attirate nuovi link da siti autorevoli. Guadagnare dei collegamenti freschi è probabilmente il modo più potente per aumentare il fattore di freschezza.
  • Guardate i vostri tassi di clic ed il tempo trascorso su ogni pagina. A Google, a quanto pare, piace vedere un aumento costante del coinvolgimento quando osserva come siano freschi e pertinenti i contenuti. Una diminuzione costante od improvvisa potrebbe abbassare la vostra classificazione.
  • Rispondete ed incoraggiate dei commenti.

Rendere il vostro sito fresco come un giardino è un modo in più con cui potete rendere i contenuti più pertinenti ed utili per i visitatori del vostro sito. Ciò potrà aumentare il traffico verso il sito ed il vostro impegno. Renderete più efficace la vostra strategia di content marketing e contribuite a garantire la forza del vostro sito a lungo termine. Guardate voi stessi. Confrontate come le metriche rispondano ai vostri sforzi di rendere il tutto più fresco. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://marketinginsidergroup.com/content-marketing/attract-google-fresh-content/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed