L’uso efficace di email automatiche nell’e-commerce B2B

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p marketing email marketing

L’email marketing è uno strumento potente, ma molte aziende B2B non ne approfittano. Le e-mail automatiche ​​sono un buon modo per iniziare. Sono guidate dagli eventi, di solito in base al comportamento di un cliente. Una volta che siano state impostate, queste e-mail non richiedono tempo o risorse aggiuntive. In questo post, esamineremo alcuni tipi di messaggi di posta elettronica automatici che possano aumentare le vendite del vostro e-commerce B2B.

Serie di e-mail di benvenuto.

Quando qualcuno si iscrivesse alla vostra newsletter, mandategli un’e-mail di benvenuto. Includete delle offerte che lo spingano ad effettuare un ordine. Ad esempio un regalo od uno sconto con il suo prossimo acquisto [....]. Le e-mail di benvenuto possono includere contenuti diversi dai prodotti in omaggio. Ad esempio, un’e-mail di benvenuto può confermare l’iscrizione ed informare il destinatario delle promozioni in corso e di quelle future. Una serie di e-mail di benvenuto potrebbero anche essere dei messaggi multipli in più di un paio di giorni per invitare gli iscritti al sito, mentre sono ancora interessati.

E-mail di abbandono del carrello.

Molti acquirenti di e-commerce aggiungono degli elementi ai loro carrelli della spesa e poi abbandonano il sito senza completare l’acquisto. Un’e-mail automatica può ricordare a costoro di completare il loro ordine. L’oggetto ed i contenuti dell’e-mail sono fondamentali. Dovrebbero ricordare al cliente ciò che ha lasciato nel carrello. Continuate ad inviare questi messaggi di abbandono del carrello nell’arco di diversi giorni, se necessario. Testatene il numero e la frequenza per determinare il mix ottimale per la vostra azienda. Ad esempio New Pig vende forniture per perdite e fuoriuscite sul posto di lavoro. I suoi messaggi di posta elettronica di carrello abbandonato sono intelligenti, puliti ed accattivanti. Ogni e-mail nella serie ha una riga di oggetto ed un messaggio diversi.

E-mail post-acquisto.

Una volta che qualcuno effettui un ordine, utilizzate l’e-mail di conferma a vostro vantaggio. I clienti sono più propensi ad aprire i loro messaggi di posta elettronica di ordine ricevuto che i messaggi promozionali. Inoltre, i clienti spesso utilizzano la loro ricezione dell’ordine come punto di partenza per i prossimi. La vostra e-mail di ricezione dell’ordine può essere personalizzata per raccomandare i prodotti correlati, del tipo “ Sulla base di ciò che avete acquistato, potreste essere interessati a ….”.  Mantenete le informazioni promozionali e di upselling a meno del 20% del contenuto globale, in modo che l’obiettivo primario della mail sia una transazione. A seguito di un acquisto, prendete in considerazione una serie di e-mail, suggerendo altri prodotti a cui il cliente potrebbe essere interessato o incoraggiandolo a scrivere una recensione del prodotto. Best Buy include delle raccomandazioni sui prodotti in fondo alle e-mail di ricezione dell’ordine, del tipo: “I clienti che hanno acquistato questo articolo hanno comprato anche…”.

Ordini ricorrenti.

Se vendete prodotti di consumo, prendete in considerazione di inviare una e-mail quando possa essere probabile che un cliente abbia bisogno di riordinare. Name Badge Productions vende cartellini con il nome e prodotti promozionali. Inviate un promemoria di acquisto per i clienti 10 mesi dopo il loro ordine precedente.

E-mail automatiche: una guida introduttiva.

Durante l’impostazione di e-mail automatiche, prendete in considerazione di includere offerte ed una tempistica. Redigete le linee oggetto ed i contenuti dell’e-mail per sostenere il vostro brand e la vostra strategia di marketing globale. Progettate delle e-mail pulite che possano essere facilmente lette da uno smartphone. I dati contenuti nella piattaforma di e-commerce attiveranno i messaggi di posta elettronica. In genere questo richiede l’integrazione della vostra piattaforma con un provider di servizi di posta elettronica, che può essere una parte di una suite di marketing globale. Queste ultime sono utili per le aziende B2B che richiedono un punteggio sui contatti, sapendo che i visitatori sono propensi ad acquistare in base al loro comportamento. Per le aziende che vendono prodotti costosi, questo può aiutare i venditori a sapere quando raggiungere i potenziali clienti. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: http://www.practicalecommerce.com/articles/134029-Using-Triggered-Emails-for-B2B-Ecommerce

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed