Uno sguardo al mercato dell’e-commerce B2B

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing e-commerce B2B

Il mercato dell’e-commerce B2B continua ad evolversi rapidamente, con una manciata delle sue aziende più importanti che di recente hanno condiviso degli aggiornamenti importanti sulla loro attività di vendita online. Ecco uno sguardo su alcune tra le imprese più note di distribuzione B2B, assieme ad aggiornamenti sul mercato generale dell’e-commerce.

Grainger.

Al suo annuale Grainger Show di Orlando tenutosi il 13 marzo, DG Macpherson, il CEO di Grainger, ha dichiarato che nel 2016 il 60% delle vendite del gigante della distribuzione industriale è avvenuto via e-commerce. Il 50% del fatturato della società è arrivato da Grainger.com e il suo EDI/e-procurement, mentre il restante 10% proviene dalla sua offerta chiamata KeepStock e dalla gestione dell’inventario. Quel 60% è un notevole salto dal 41% del 2015. Oltre a ciò, Macpherson ha detto che sarebbe sorpreso se la cifra non arrivasse all’80% entro il 2022. Per tutto il 2017, Grainger riconfigurerà il suo modello di pezzi online, che  Macpherson ha detto essere troppo alto attualmente. “Visto che il prezzo del prodotto e la trasparenza sono diventati più rilevanti, tutto ciò è diventato una fonte di contesa con i clienti e non abbiamo bisogno di questo”, ha detto Macpherson. “Non abbiamo bisogno di avere il prezzo più basso, abbiamo solo bisogno di essere in campo”. Grainger è l’azienda n. 3 sull’Elenco di Industrial Distribution delle 50 migliori imprese ed è il più grande distributore industriale situato negli Stati Uniti

HD Supply.

Come Grainger, un’altra grande azienda di distribuzione industriale HD Supply di recente ha detto il 60% delle sue vendite totali del 2016 è avvenuto online, più di cinque punti percentuali rispetto all’anno precedente. In teleconferenza il 14 marzo con gli analisti sugli utili fiscali per l’intero anno, l’azienda con base ad Atlanta, Georgia, il CEO Joe DeAngelo detto che l’attività di e-commerce del 2016 di HD Supply ha portato ad una crescita a due cifre dal 2015. “La nostra chiarezza ha informato le nostre priorità di attuazione corrente e ha anche contribuito a cristallizzare un’eccitante vision digitale, incentrata sui clienti per molti anni”, ha detto DeAngelo. “Abbiamo fatto degli investimenti significativi nella nostra fondazione digitale in tutte le aree di attività, così come sull’esperienza digitale di tutti i giorni del cliente”. HD Supply è l’azienda n. 6 nel suddetto elenco delle migliori 50 di Industrial Distribution.

Amazon Business.

Tre mesi dopo aver annunciato la sua prima espansione all’estero in Germania ed in India, Amazon Business il 4 aprile ha annunciato di essere ufficialmente entrata nel Regno Unito, ulteriore prova del successo per il segmento B2B del Amazon. Aggiungendo le nazioni di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda del Nord, Amazon aggiunge un mercato B2B online che è stato valutato pari a 120 miliardi di dollari nel 2015 da Newport, l’Ufficio Inglese per le Statistiche Nazionali. Amazon Business UK venderà più di 100 milioni di prodotti, mirando ad aziende piccole, medie e grandi, offrendo una gamma di prodotti di utensili industriali, di forniture per ufficio, attrezzature per pulizie/servizi igienico-sanitari. La società offrirà la consegna gratuita in un giorno solo per ogni ordine superiore alle 30 sterline, i prezzi esclusi di VAT e delle analitiche approfondite che consentiranno ai responsabili di acquisto di monitorare la spesa. In precedenza Amazon Supply, Amazon Business è stata lanciata negli Stati Uniti nel mese di aprile 2015. Nel suo primo anno, ha superato il miliardo di dollari nelle vendite e ha avuto più di 300.000 acquisti effettuati sulla piattaforma da 30.000 imprese a partire da maggio 2016, quando ha anche detto che gli acquisti dei clienti sono cresciuti di circa il 20% ogni mese. Lo scorso 4 gennaio, la società ha detto che il suo numero di clienti era cresciuto fino a più di 45.000 venditori diversi e più di 400.000 clienti totali, raddoppiando il conteggio che aveva dichiarato un anno prima. Nel complesso, sono stati aggiunti circa 100.000 clienti per trimestre. Lo scorso settembre, i rapporti hanno fatto emergere che Prentis Wilson, amministratore delegato di Amazon Business, ha identificato Grainger e Staples come i principali rivali della divisione. Nel frattempo, Macpherson ha detto che Grainger vede Amazon sia come un concorrente che come un cliente.

L’utilizzo dell’E-Commerce per la Distribuzione Industriale è in aumento.

Il 70° Sondaggio Annuale di Industrial Distribution sugli Operatori della Distribuzione Industriale, completato a fine marzo 2017, ha mostrato che il 63% degli intervistati afferma che l’e-commerce sia una priorità per loro, più di tre punti percentuali rispetto all’anno precedente. La quantità di distributori, che hanno detto che la loro azienda sta generando delle vendite online, è anche risalita di 1,2 punti al 57,1 %. Anche se questi dati mostrano che c’è ancora una gran parte di mercato B2B industriale online da sfruttare, sempre più distributori in questo settore stanno scendendo in campo con l’e-commerce. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://www.manufacturing.net/blog/2017/04/update-b2b-e-commerce-market

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed