Micro-Influencer: cosa possono fare per voi!

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing Micro-influencer

Micro-influencer: che cos’è? Assieme ad influencer marketing, micro-influencer è il termine che tutti i marketer moderni hanno aggiunto al loro repertorio. Tuttavia, che cosa significa micro-influencer e come ne possono beneficiare i brand? Anche se non esiste una definizione standard per il termine (per ora), mi piace come Forbes lo definisce, “Sempre più marchi si rivolgono a persone con molti meno numeri e follower, a volte anche meno di 8.000, per aiutarli a condividere i loro messaggi”. È interessante notare che il 67% dei professionisti del marketing si arrabattano di più con la ricerca di influenzatori rilevanti, secondo uno studio di TapInfluence e di Altimeter. Con questo in mente, come fate a trovare il giusto micro-influencer che rappresenti il vostro brand? Ebbene pare ci sia una risposta logica a questo. Ossia: se c’è allineamento tra il pubblico dell’influenzatore e il pubblico del brand ed avete dei dati che suggeriscano un alto grado di rilevanza, siete a posto. Abbiamo modellato ciò in quello che mi piace chiamare “Piramide di influenza”.

Naturalmente, i professionisti del marketing spesso gravitano al vertice della piramide, che è dove le celebrità vivono, come Beyoncé o Lady Gaga. In fondo, penso che abbiate degli “evangelisti del brand“, di solito, che scrivono recensioni e forniscono dei feedback, ma che non hanno un livello significativo di influenza se non nel loro complesso.

L’occasione mancata sta nel mezzo del potere e questo è esattamente dove si trovano i vostri micro-influenzatori. La migliore analogia è nel pensare ad una strategia SEO o ad una SEM. Le celebrità siedono al vertice della piramide, che è simile a fare offerte su parole chiave molto competitive e spesso costose. Considerando che, i micro-influencer comprendono i punti di dolore e le domande che la gente si chiede, risalendo all’analogia con il SEO e la SEM, i micro-influenzatori sono come le parole chiave a coda lunga ed allo stesso modo entrambi sono potenti, perché è senza dubbio dove si trovano le maggiori intenzioni d’acquisto con il pubblico mirato.

Allora perché i micro-influencer? Ecco alcuni spunti di riflessione:

  1. Autenticità. L’influencer marketing sorpassa 11 volte la pubblicità digitale tradizionale, perché i consumatori preferiscono ascoltare più dalle persone reali che dai brand. Ecco la pubblicità. Dato che l’influencer marketing diventa sempre più prevalente, i consumatori continueranno a desiderare il collegamento ad esperienze più autentiche che solo questi influenzatori possono offrire.
  2. Millennial. Entro il 2020, i Millennial totalizzeranno circa 1,4 trilioni di dollari di potere di spesa. Tali acquirenti sono principalmente digitali, esperti dei social media e cercano un contenuto personalizzato per la loro età, per la loro la posizione e per i loro interessi culturali.
  3. Fornitura. Anche se le celebrità ed i macro-influenzatori con un imponente numero di follower sono stati in grado di fornire l’intimità allo stesso modo delle comunità compatte di micro-influencer, semplicemente non ce ne sono abbastanza. I micro-influenzatori sono la principale categoria degli influencer e coprono milioni di blog, inoltre YouTube è diventato saturo di vloggers popolari, che hanno reso l’influencer marketing accessibile alle masse.

Pertanto come possono i micro-influencer giovare realmente ai brand? La loro efficacia risiede nell’impegno e nel valore. I micro-influenzatori spesso si concentrano su una nicchia ed hanno un gruppo di follower di tale nicchia. Sono anche molto più attivi rispetto ai loro pari: rispetto al consumatore medio, i micro-influencer tengono 22,2 volte in più delle conversazioni ogni settimana. E’ ovviamente importante monitorare il coinvolgimento. Le celebrità hanno seguiti molto significativi e questo incide sul costo contro ciò che possono effettivamente produrre relativamente al coinvolgimento e, in ultima analisi, alle vendite. Ad esempio, un marchio, che ha pagato Kim Kardashian per twittare, ha visto i suoi 15 milioni di seguaci portare 1.200 visite al sito web, il che si è tradotto in soli 30 ordini in media pari a 30 dollari ciascuno. Quei numeri sono terribili, ma il relativo cost per engagement (CPE) è altrettanto terribile. E’ il coinvolgimento, e non il raggiungimento, ad essere uno dei parametri più importanti.

C’è così tanto da considerare nella scelta dei micro-influenzatori per una campagna di marketing: utilizzate una piattaforma di influencer marketing, utilizzate un motore di ricerca per gli influencer e trovate i profili giusti. Prestate attenzione ai dati di audience e ai dati sulle prestazioni per aiutarvi a trovare la misura perfetta. Anche in questo caso, il consiglio più importante da ricordare è che il pubblico dei  micro-influenzatori e quello del brand devono allinearsi perché voi vediate il ROI.

Per iniziare con i micro-influencer, tenete in mente questi punti:

• Coinvolgete 10 influenzatori altamente focalizzati, ciascuno con 10.000 follower, piuttosto che un singolo influenzatore, con una platea diluita e variegata di 100.000 seguaci.
• Utilizzate strategicamente le celebrità tra gli influenzatori, ad esempio lavorate con quelli famosi per generare consapevolezza del marchio ed attivate i micro-influencer.
• Approfittate dello “spazio bianco” nel vostro settore; gli influenzatori sono attualmente sottoutilizzati dai brand di lusso, anche se il loro pubblico prende le loro “parole come un vangelo, e questo può tradursi direttamente in un profitto notevole per il settore del lusso”.
• Ricordatevi di guardare al CPE quando ne valutate il valore; i micro-influencer non sempre hanno i tassi più bassi rispetto ai macro-influencer, tuttavia vi porteranno qualcosa di vantaggioso. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: http://www.chiefmarketer.com/what-micro-influencers-can-do-for-you/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed