SEO per eventi: come posizionarvi al meglio su Google

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p marketing guida al SEO

Google vede milioni e milioni di query al giorno relativi ad eventi e ad attività locali. Il problema che hanno osservato è che la maggior parte degli utenti si sono rivolti alle applicazioni esterne ed ai siti web per trovare le informazioni di cui hanno bisogno, eliminando il motore di ricerca dall’equazione. Come tutti sappiamo, Google si vanta di essere una piattaforma che risponde alle domande di tutti. Al punto che è diventato un verbo di uso quotidiano: “Googlare”.

Qualche settimana fa, hanno annunciato un aggiornamento in cui eventi di ogni genere sarebbero stati visualizzati in un box speciale quando un utente inserisce una query. Ad esempio, supponiamo di ‘googlare’ “Eventi di questo fine settimana” (su un dispositivo mobile, N.d.T.). Vedrete che i risultati forniscono una lista organizzata e semplicistica di corrispondenze nella zona. Potrete effettuare una ricerca più dettagliata, come “evento gastronomico a San Diego,” o “Concerti a San Diego,” e ancora otterrete gli stessi risultati filtrati. Google estrae le informazioni dalle piattaforme evento più importanti come Ticketmaster, Meetup, LiveNation, Vividseats, Jamebase, StubHub, Eventbrite ed altro ancora (in USA, N.d.T.).

Con questo nuovo livello di convenienza arriva un insieme di regole e di linee guida che le persone devono seguire per posizionarsi negli eventi dei risultati della ricerca di Google. Ecco un paio di punti principali.

UN TESTO HTML TECNICO.

Ogni pagina di destinazione mirata per un evento deve contenere i dati accuratamente strutturati in relazione al glossario di Schema. Perché i dati possano essere classificati come “strutturati”, dovrete presentare un elevato livello di organizzazione basata su testo in un database relazionale. Ai bot di Google non piace fare un lavoro inutile. Quando i vostri dati diventano strutturati, è più prevedibile e più facile che i motori di ricerca vi passino su. A loro volta, possono organizzarli e visualizzarli in modo convincente. Il modo migliore per rappresentare i dati è in formato JSON-LD. Così:

google-event-research-img2 source Marketing Insider Group

Questo tipo di dati strutturati è quello che descrive sia il contenuto che tutte le sue proprietà sul web. Per un evento, avreste bisogno di includere delle informazioni adeguate quali: nome, luogo, ora e informazioni di contatto.

Iniziate con la pubblicazione di contrassegni su una pagina specifica del vostro sito web. Rendeteli il più specifici possibile in relazione ai nomi di proprietà di Schema. Poi, proseguite col segnare tutte le pagine relative. Siate sicuri di fare lo stesso con le pagine HTML AMP, così otterete una buona esperienza su tutti i dispositivi. Inoltre, le pagine contrassegnate non devono essere bloccate per i crawler di robot.txt. Anche gli URL immagine devono essere individuabili dai crawler, altrimenti non verranno visualizzati in altro modo.

Ultimo ma non meno importante, ogni pagina evento deve avere un URL univoco e dei marcatori adatti. I bot di Google amano i dati strutturati che siano informativi e semplici.

IL CONTENUTO.

La precisione è fondamentale in questo punto. Tutte le informazioni pertinenti devono essere presentate in modo intuitivo sia per i motori di ricerca che per gli utenti. Assicuratevi che gli eventi di più giorni siano etichettati correttamente. Se ci sono diverse attrazioni diverse, che coprano diversi giorni con opzioni di biglietteria separate, create un singolo elemento per ogni evento. Poi, non segnate eventuali non-eventi come eventi. In altre parole, non cercare di vendere a qualsiasi costo qualsiasi prodotto o servizio. Per esempio, la promozione di cose come hotel o pacchetti di viaggio non va bene. Inoltre, evitate di offrire sconti o buoni legati all’evento. Questo aggiornamento è stato puramente pensato per aiutare gli utenti a trovare le attività che vogliono, non a cui essere venduti.

Lo scopo di questo aggiornamento è quello di fornire un’esperienza più vantaggiosa per gli utenti dei dispositivi mobili quando effettuino una ricerca di qualcosa da fare nelle vicinanze. Alla fine della giornata, Google va oltre all’aumentare l’esposizione per alcuni eventi. L’obiettivo finale è trattenere gli utenti dei dispositivi mobili su quel motore di ricerca, a differenza dei siti esterni con imbuti di vendita ben definiti. Le persone saranno semplicemente in grado di cercare gli eventi e di utilizzare i risultati come una pianificazione. A partire da ora, questa funzione è disponibile solo negli Stati Uniti sia per iOS e Android. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: https://marketinginsidergroup.com/search-marketing/seo-events-rank-google-events-search-results/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed