Instagram testa una funzione di Co-Broadcasting

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing Instagram co-broadcasting

Instagram ha annunciato che sta testando una funzionalità di video in diretta, che consenta agli utenti di condividere dei contenuti con altri utenti che si sintonizzano con loro.
Ecco come funziona secondo il post sul blog dell’azienda: toccando una nuova icona nell’angolo in basso a destra dello schermo dell’app, gli utenti possono invitare le persone a guardare il loro video in diretta per farli partecipare alla trasmissione; tutto quello che devono fare è selezionare quale visualizzatore vogliono invitare e fare clic su “aggiungi”. La schermata di trasmissione sarà quindi divisa a metà e l’ospite invitato apparirà sotto quello principale. Gli utenti possono ripetere questo processo durante la trasmissione e rimuovere o aggiungere un ospite (uno alla volta) in qualsiasi momento. Gli ospitanti possono anche uscire dalle proprie trasmissioni e gli spettatori possono mettere il “mi piace” o commentare i video come al solito. Una volta che la trasmissione viene completata, gli utenti possono condividere i loro video in diretta tramite Instagram Stories o scartarli.

Secondo il suddetto post, Instagram sta attualmente testando questa nuova funzionalità in una “piccola percentuale” di utenti e intende lanciare la capacità a livello mondiale nei “prossimi mesi”.
L’app di foto e di video ha introdotto il video dal vivo in novembre, afferma il post, e da allora “milioni di persone” utilizzano questa funzione. Instagram ha inoltre continuato a sviluppare le proprie capacità di video in diretta, anche per consentire agli utenti di salvare i video dal vivo nei propri cellulari nel mese di marzo e consentire alle persone di condividere le riprese dei propri video in diretta tramite IG Stories nel mese di giugno.
A prima vista, ha senso perché Instagram vorrebbe sviluppare le sue capacità di streaming dal vivo. Secondo i dati di UBS Evidence Lab citati nella relazione di eMarketerUS Live Video 2017: Still Buffering“, più della metà (53%) delle persone intervistate dai 13 ai 17 anni dicono di aver visto un video in live streaming sui Social Media e circa un terzo (32%) dice di averlo creato. Questi numeri aumentano tra gli intervistati dai 18 ai 34 anni e il 63% afferma di aver visto un video in diretta streaming sui social media, mentre il 42% dice di averlo creato.
Tuttavia, la maggior parte dei canali social si stanno tuffando sulle prestazioni video in diretta. Secondo il suddetto rapporto ed il suddetto set di dati, la percentuale degli utenti di internet statunitensi, che hanno visto i video in live streaming su YouTube, è sceso dal 21% nel giugno 2016 al 16% nel novembre 2016. Anche la percentuale che ha visto i video in diretta streaming su Snapchat Live Stories è diminuita dal 14% al 12% rispetto a quello stesso periodo di tempo. Facebook, l’acquirente di Instagram, tuttavia, ha visto un aumento dal 14% al 17% quando si confrontano le cifre di giugno 2016 e di novembre 2016.
I marketer non sembrano aver completamente accettato l’investimento in video dal vivo. Un altro set di dati condotto da Advertiser Perception per conto di Trusted Media Brands, citato nel rapporto di cui sopra, ha rilevato che solo il 19% dei responsabili decisionali di marketing, intervistati la scorsa estate, ha dichiarato di voler “investire sicuramente” nella pubblicità in live streaming ed il 21% sicuramente non lo farà”. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: http://www.dmnews.com/social-media/instagram-announces-co-broadcasting-capability/article/680526/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed