Content Marketing: una priorità ancora incompresa

S4P MARKETING CONSIGLIA.

S4p Marketing Content Marketing priorità incompresa

Alcuni anni fa, i discorsi sul content marketing erano principalmente riguardanti la sua crescente consapevolezza. Stava emergendo la tendenza del fornire grandi contenuti insieme ad un ottimo servizio o prodotto. Ora, nel 2017, i discorsi si basano meno sull’”Inizia a fare il content marketing” e più sul “Perché tutti fanno dei blog?
Quest’anno, oltre il 90% dei marketer sta aumentando i loro budget per il marketing dei contenuti, o almeno sta mantenendoli uguali, secondo un recente studio di GetResponse e del Content Marketing Institute, che hanno analizzato più di 2.500 professionisti del marketing soprattutto di aziende B2C e di imprese che che fanno sia B2B che B2C in tutto il mondo.
Questa è una grande notizia per gli evangelisti del content marketing che non vanno più predicando alle conferenze. Ma lo studio afferma anche che i marketer stanno ancora lottando per misurare questo tipo di marketing.
Secondo lo studio, poco più del 16% dei professionisti del marketing ha affermato di poter misurare il ROI dei vantaggi del contenuto. Quasi il 40% ha detto che tali benefici siano provenienti da una base ad hoc.
Il problema è che, sebbene il marketing dei contenuti sia stato ampiamente accettato come una parte necessaria del marketing, le aziende lo stanno ancora trattando come un altro vantaggio, con poca attenzione a come funzioni questa attività specifica nell’economia digitale.
Ad esempio, lo studio fa notare che molti professionisti del marketing ora stanno automatizzando la distribuzione dei contenuti, ma quelli più diffusi distribuiti in questo modo sono i post dei blog (quasi il 47%). Anche se la tecnologia per la distribuzione ha poca influenza sulla qualità di questi post, il fatto che i blog siano così popolari per la distribuzione automatizzata è indicativo di quanto siano abbondanti quel tipo di contenuti. E, come accennato, lo studio ha scoperto che gran parte dei contenuti che i brand stanno distribuendo non viene misurata correttamente per le prestazioni e viene creata su una base di necessità.
Il contenuto richiede del tempo per funzionare veramente ed ha un ruolo molto diverso nel percorso del’acquirente rispetto ad altri tipi di marketing. I consumatori leggono gli articoli e guardano i video prima e dopo l’acquisto, pertanto misurare le prestazioni dell’influenza sulle acquisizioni del content marketing, ad esempio, può dipingere un quadro falso e negativo su come tale contenuto abbia effettivamente funzionato. I marketer devono garantire che le loro aziende capiscano il ruolo che i contenuti giocano per il loro pubblico, e quali metriche li possano quantificare meglio, prima di mettere in coda il prossimo blog.
La fase uno è fatta: tutti sanno che vale la pena investire sul content marketing. Ora, i professionisti del marketing devono solo avere il contenuto giusto. (Adattamento e traduzione di L.M.)

Fonte: http://www.dmnews.com/content-marketing/content-marketing-still-a-priority-still-misunderstood/article/673981/

S4P MARKETING CONSIGLIA è la nuova rubrica del nostro blog. Ogni venerdì, i 3 articoli, giudicati da noi più interessanti, presi dal web e pubblicati sui nostri profili Social verranno recensiti in questa sede e riproposti. Per informazioni e/o suggerimenti scriveteci o contattateci sui nostri Social!

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Visit Us On LinkedinVisit Us On YoutubeVisit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On Google PlusCheck Our Feed